Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Scandalo Facebook, Tajani 'richiama' Zuckerberg. Elezioni Ue a rischio fake news

Scandalo Facebook, Tajani 'richiama' Zuckerberg. Elezioni Ue a rischio fake news

Tajani
12-05-2018

Il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani, ha invitato di nuovo il ceo di Facebook all’Europarlamento sia per fare chiarezza sui dati di 2,7 milioni di europei finiti illecitamente sui server di Cambridge Analytica sia per garantire che non ci sia un uso distorto dei dati degli utenti per influenzare le elezioni europee del 2019.

Tajani richiama Zuckerberg da Firenze. Il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani, nel suo discorso sullo Stato dell’Unione, tenuto oggi nella città toscana, ha invitato di nuovo il ceo di Facebook all’Europarlamento sia per fare chiarezza sui dati di 2,7 milioni di europei finiti illecitamente sui server di Cambridge Analytica sia per garantire che non ci sia un uso distorto dei dati degli utenti per influenzare le elezioni europee che si terranno a maggio 2019.

“Ho invitato Mark Zuckerberg a spiegarci cosa sia successo con lo scandalo Cambridge Analytica, ed evitare che per le elezioni europee del 2019 non ci sia uso distorto dei dati in possesso della sua azienda”, ha affermato Tajani, intervenendo a ‘The State of the Union’. “Mi auguro che risponda positivamente al nostro invito per spiegare ai rappresentanti del popolo europeo cosa intenda fare”, ha continuato il presidente dell’Europarlamento. È necessario, ha aggiunto, “assicurarsi che la democrazia europea non sia inquinata da notizie che provengono da molti Paesi”, e dunque è necessario “vigilare perché la rete non usi la democrazia per i propri fini, dobbiamo fare il contrario”.

Proprio sulla lotta disinformazione online, Tajani, infine, si è congratulato con la commissaria Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l’Economia e la società per il lavoro svolto “sulle fake news e sul digitale”. Per combattere il fenomeno delle fake news, la Commissione Ue ha proposto una serie di misure: alle piattaforme online di redigere, entro luglio, un codice di buone pratiche e agli Stati membri sia il sostegno a una rete indipendente di fact checking sia più fondi per il giornalismo di qualità.

Luigi Garofalo

Fonte: https://bit.ly/2KX4kNp

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

TWITTER
Il social ha ammesso di aver venduto l'accesso ai dati pubblici degli utenti alla società di Aleksandr Kogan, il ricercatore che ha attinto illecitamente i dati di 87 milioni di utenti su Facebook e poi venduti a Cambridge Analytica. Una notizia ....
mar 01 mag, 2018
FACEBOOK
Il social network ha pubblicato il documento con i criteri utilizzati per stabilire cosa non si può postare e viene rimosso. 27 pagine di criteri utilizzati per dire cosa è vietato postare. Per la prima volta, Facebook ha svelato le linee ....
lun 30 apr, 2018

Eventi correlati

Codemotion Rome 2017
Dal 22-03-2017
al 25-03-2017
Luogo: Dipartimento di Ingegneria dell'Università Roma TRE, via Vito Volterra, 60, Roma.
Il Codemotion Rome si svolgerà da 22 Marzo al 25 Marzo 2017, per una quattro giorni dedicata a tutti i programmatori, più o meno esperti.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589