Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Osservatorio eCommerce B2c Netcomm: Unified commerce per il futuro del Retail

Osservatorio eCommerce B2c Netcomm: Unified commerce per il futuro del Retail

COVINO
11-05-2017

Nel 2017 il mercato italiano dell'e- commerce varrà 23,1 miliardi di euro, contro i 19,9 del 2016. Il 16% in più, per comporre una cifra che vale il 5,6% della spesa totale retail.

L’incremento del mercato sarà pari a oltre 3,2 miliardi di euro rispetto al 2016. Gli acquisti Ecommerce di prodotti cresceranno nel 2017 del 25%, a un tasso più che triplo rispetto a quello dei servizi (+8%).

Sono questi i dati 2017 dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano presentati a oltre 12.000 visitatori nel corso della XII edizione del Netcomm Forum (Milano 10/11 maggio 2017)
Dati provenienti da un confronto diretto con 350 merchant.

Molti di questi euro sono spesi in turismo, poi in prodotti tecnologici,, abbigliamento, assicurazioni e food.
Proprio il food e grocery è il settore con il più alto tasso di crescita: 37%.
Un terzo degli acquisti che viene effettuato è da mobile, prevalentemente da smartphone.
20 operatori fanno i tre quarti del mercato, in gran parte aggregatori.

Le evidenze, presentate sul palco da Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, prima, e da Riccardo Mangiaracina , dell'Osservatorio Ecommerce del Politecnico di Milano , poi, dimostrano che anche quest’anno il commercio elettronico in Italia vivrà un momento di grande dinamicità e di importanti cambiamenti che già oggi si stanno delineando, grazie soprattutto al processo di digital transformation trainato all’interno delle imprese proprio dall’ECommerce.

«È in atto un cambiamento sistemico di acquisto e offerta che coinvolge alcuni fattori importanti del commercio elettronico», sottolinea in particolare Liscia.
«Il digitale non è più il futuro, ma interessa moltissimi aspetti della vita quotidiana del consumatore. Basti pensare che i consumatori che acquistano online hanno raggiunto la quota di 1,4 miliardi. In questo contesto in continua evoluzione la chiave del successo competitivo è creare un’esperienza di unified commerce dove online e offline e i diversi device si mescolano in un nuovo ecosistema esperienziale».
Nell'introdurre il Forum, il presidente di Netcomm, Roberto Liscia, ha coniato il termine di Unified commerce.

«In futuro - ha detto - non parleremo più di commercio elettronico ma solamente di commercio. ». Fine del negozio fisico, allora? No: «Il mondo fisico ha e avrà un ruolo importante. C'è da considerare che il retail sta cambiando pelle». Siamo nel paradigma del retail always connected, «il processo di acquisto è diffuso nel tempo e nello spazio. Lo shopping non è un atto, ma un processo», ha chiarito Liscia. E sta svanendo quel mondo a silos che differenziava fra B2B o B2C.

In Italia esiste ormai il compratore familiare, multidevice.
Chi compra con tre strumenti (smartphone, laptop e tablet) non solo ha una frequenza di acquisto maggiore, ma è anche multicanale e compra di più offline.
Da noi ci sono 22mila punti vendita attivi con servizi ecommerce, fra ritiro di acquisto online e abilitati al reso.
Il digitale sta aprendo nuovi scenari di filiera e nuovi modelli di business, con la disintermediazione. Secondo Liscia questi saranno:

Il primo è quello che passa dall'e-retail alla piattaforma. «Proprio come fa Zalando, a cui interessa diventare a tech company».

Secondo modello: da banca a retailer. «China Construction Bank ha capito che Alibaba disintermedia la funzione bancaria e sfrutta la penetrazione sul mercato per mettersi a vendere beni».
Terzo modello: da quartiere dello shopping a marketplace, come avviene ad Amsterdam, 9straatjesonline, che fa proseguire l'acquisto iniziato sul luogo fisico, anche dopo.
Quarto modello, social ecommerce. Houzz intermedia prodotti verso gli architetti e li vende.

Sempre per Lisca sono cinque gli elementi chiave per competere nel commercio digitale.

Primo: le imprese devono orientare, online e offline.
Secondo: la selezione. Bisogna aiutare il consumatore nelle scelte.
Terzo: i pagamenti, sempre, dovunque e in modo istantaneo.
Quarto: la logistica. Garantire velocità di consegna, senza problemi.
Quinto: fare customer care più che customer service.

Tutto  questo avviene se le imprese capiscono i dati e padroneggiano le tecnologie per farlo.
Chi investe di più in IT, sui dati, fa fatturato, margine e utile superiori del 50% a chi non lo fa.
Nel nuovo paradigma economico, insomma, le tecnologie e le piattaforme sono i fattori critici di successo. Il rapporto azienda cliente è cambiato, dalla mass production alla mass customization. Industria 4.0 permette di farlo.
I retailer non devono più imporre il loro ambiente al consumatore, ma aiutare i clienti nelle scelte con gli strumenti adeguati.
Il retailer che investe sui dati cresce del 50% in più.

In questa rivoluzionaria dimensione lo smartphone diventa il vero protagonista, capace di ricomporre la frammentazione delle nostre relazioni e conversazioni in un diverso assetto. Così come l’everywhere shopper compra di più in tutti i canali e usa lo smartphone per orientarsi e acquistare offline.

Se si considera, inoltre, il numero di acquisti online (la quota sulle transazioni) il ricorso ai dispositivi mobili mostra un costante e notevole aumento dal 2012: negli primi mesi del 2017 ogni 100 acquisti online, 8,5 sono stati effettuati da Tablet PC (sia su sito Web che via App, con quota stabile) e 17,4 da Smartphone (sul sito Web o via App).

Nel corso dei lavori si è sottolineata dunque la consistente crescita degli acquisti via Smartphone (+52%) che raggiungeranno quota 5,3 miliardi di euro. Se a questi aggiungiamo gli acquisti via Tablet, supereremo i 7 miliardi di euro, ossia quasi un terzo dell’intero mercato e-commerce italiano.

http://www.consorzionetcomm.it/

MAURO COVINO, Dipendente Formez , Studioso e Docente di Comunicazione presso le Università di Roma “La Sapienza”, Luiss “Guido Carli” , Lumsa e Bari. Responsabile dell’Osservatorio sull’Andamento del Digitale Italiano dell’AIDR

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
“Disoccupati, studenti, Pubbliche Amministrazioni, Aziende… prospettive per il futuro occupazionale nel digitale”. Se ne discute all'Open Day del Sud Italia sulle competenze digitali organizzato dall’Associazione Italian Digital ....
ven 04 ago, 2017
Donato A. Limone, Ordinario di informatica giuridi
La Pubblica Amministrazione non ama il digitale. Tra riforme problematiche e critiche, come uscire da questo 'blocco' istituzionale e culturale? La burocrazia non ama le innovazioni. Tanto meno l’innovazione digitale. L’affermazione che facciamo ....
mer 02 ago, 2017

Eventi correlati

Festival del Fundraising
Dal 17-05-2017
al 19-05-2017
Luogo: Hotel Parchi del Garda Via Brusà 16-18 37017 Pacengo di Lazise (VR)
800 partecipanti per 80 workshop in 3 giorni per condividere idee, nuovi spunti e nuovi strumenti di raccolta fondi
Al TEDxRoma r5
Data: 08-04-2017
Luogo: Auditorium di via della Conciliazione Via della Conciliazione, 4, 00193 Roma
Al TEDxRoma 2017 immagineremo e progetteremo il futuro dei prossimi 20 anni. Il 2037 non è solo il futuro che regaliamo alle nuove generazioni, potremmo vederlo con i nostri occhi, viverlo attraverso le scelte che facciamo oggi e lì, nel 203

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
SIELTE
Service Tech
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589