Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Perché nasce l'Associazione Italian Digital Revolution?

Perché nasce l'Associazione Italian Digital Revolution?

io
27-09-2016

La prima domanda che tutti gli interessati all’associazione ci stanno facendo è: qual è la vostra mission? Promuovere la digitalizzazione raggiungendo capillarmente gli italiani e soprattutto i giovani per dare avvio a un circolo virtuoso di occupazione e crescita che faccia leva sulle potenzialità delle nuove tecnologie e in particolare di internet, che deve tornare a rappresentate la modernizzazione dell’Italia nel quadro della globalizzazione.

 

È necessario investire di più per la digitalizzazione del paese. Un imperativo al quale non si può sfuggire. Per un semplice motivo: l’innovazione è un elemento imprescindibile per iniettare competitività in un’economia moderna e per il futuro dell’Italia. 

 

Vogliamo stimolare e veicolare le riflessioni di esperti e rappresentanti di diversi settori per provare a fare un ritratto dell’Italia digitale: quella che c’è già e quella che potrebbe essere. Quella che opera in settori d’avanguardia e quella che si applica a punti di forza tradizionali dell’Italia, come l’artigianato o il turismo. 

 

Si stima che l’economia digitale italiana abbia contribuito al 2 per cento del prodotto interno lordo, con un contributo netto all’occupazione di oltre 700.000 nuovi posti di lavoro. Numeri assolutamente rilevanti, ma l'Italia sconta un ritardo nella diffusione di Internet. Questo limite potrebbe diventare una grande opportunità di crescita se si inverte rapidamente la rotta.

 

Al rientro dalle vacanze estive ci siamo ritrovati con i soci di Italian Digital Revolution per commentare la particolare attenzione dimostrata dai partecipanti all’evento di presentazione tenutosi alla Camera dei Deputati lo scorso 4 maggio dal titolo: “L’Italia è pronta alla rivoluzione digitale?”. Alla fine del confronto ci siamo posti una semplice domanda: quanti posti di lavoro, in particolare giovanile, si potrebbero creare dall’economia digitale? Questo sarà l’argomento del nostro prossimo evento che vedrà la partecipazione di imprenditori, sindacati, agenzie per il lavoro, dirigenti pubblici, rappresentati del Governo, deputati, ecc.

 

L’Associazione Italian Digital Revolution intende cogliere queste opportunità per superare gli approcci settoriali e costruire un ecosistema che sostenga le idee innovative e aiuti le imprese tradizionali a crescere grazie alle potenzialità dell’economia digitale. In molte lo hanno già fatto. La crescita digitale è già una realtà, una leva fondamentale per rimettere in moto l'Italia, si tratta solo di accompagnarla senza esitazioni.

 

Mauro Nicastri
Presidente Associazione Italian Digital Revolution 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista
Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A
Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto
On. Dalila Nesci, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti
Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR

Notizie e Comunicati correlati

europa
La commissaria Gabriel: "Il 90% dei posti di lavoro futuri richiede un certo livello di alfabetizzazione digitale, ma il 44% degli europei non ha competenze di base". L'Unione europea accelera sulle competenze digitali. Con tre misure ad hoc adottate ....
mar 23 gen, 2018
Scuola Digitale
Arrivano 25 milioni di euro per formare i docenti sull’innovazione digitale. L’annuncio è arrivato dalla ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, intervenendo il 19 gennaio a Bologna nel corso di “Futura”, la tre ....
lun 22 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589