Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » M5S-Lega: ora serve una vera strategia per il Paese

M5S-Lega: ora serve una vera strategia per il Paese

23-07-2018
vitto

Vincenzo Scotti, Link Campus University: "In autunno sarà indispensabile un progetto per lo sviluppo della nostra economia"

E’ stata una settimana politica indicativa per quello che è destinato ad essere “l’autunno della difficile sfida del cambiamento” del nostro Paese. Un cambiamento, scrive sul Tempo Vincenzo Scotti Presidente della Link Campus University, che dipende da noi anche ma sempre più intrinsecamente connesso coi grandi rivolgimenti dell’intero pianeta. Anche se lo volessimo, non potremo assolutamente progettare il nostro futuro in autonomia e indipendenza come ai tempi della sovranità dello stato moderno. La forza dirompente dell’innovazione tecnologica precursore della Globalizzazione ha reso sempre difficile, se non velleitario, il difendersi dentro i confini della sovranità nazionale.

Il segno politico di questo “cambiamento” sta, nel nostro Paese, nella scomparsa dei partiti e delle associazioni proprie della democrazia rappresentative del secondo dopoguerra. Scomparsa non solo a causa di errori e degenerazioni delle leadership, ma anche per incapacità a rispondere alle antiche e nuove domande di governo, dalla più piccola comunità locale alla società nazionale. Domande di giustizia, di equità, di dignità, in presenza di inaccettabili disuguaglianze e carenze di “sicurezza”, di forme incontrollate di dominio speculativo del mercato, di riconoscimento del merito. M5S e la Lega sono stati capaci di dar voce al popolo con una partecipazione dal basso che soddisfa la richiesta di protagonismo ma che ora deve rispondere a quelle domande con un compiuto disegno politico di Governo, e non una somma di istanze, bisogni, aspirazioni senza mediazione semplicemente in sintonia con il sentire profondo del popolo.

La rapidità della crescita elettorale ha portato i Movimenti ad assumersi la responsabilità in tempi brevissimi a formare un Governo di contratto a cui si addice bene l’espressione di Moro, un governo delle convergenze parallele ma non ancora ad un progetto unitario. La criticità della situazione del Governo giallo verde sta nel dover mediare tra le diverse aspirazioni e bisogni e i vincoli della globalizzazione, del liberismo della finanza senza frontiere, delle necessità di sicurezza internazionale, dello scontro con il potere di Stati-Continenti e non ultimo della forza destrutturante della Rete.

E’ questo lo scenario dentro il quale nasce l’agenda del “cambiamento” del Governo giallo-verde. Il decreto “Dignità” che pone il tema delle terribili conseguenze economiche, sociali e soprattutto umane della disoccupazione: la dignità della persona ed ha il senso di denunciare che non si può continuare affrontare la crisi generale e le crisi aziendali tagliando i livelli di occupazione, mantenendo bassi i salari, rendendo sempre più precario il lavoro e guardando solo alle necessità della finanza e delle banche pone un tema. Un grande quotidiano ha proposto di caricare sul welfare la forniture di servizi pubblici per un ampio ventaglio di bisogni e superare così la precarietà ponendo un altro tema. Ma questi sono tutti approcci settoriali.

Al Governo è opportuno ricordare che per andare oltre l’orizzonte del Decreto Dignità è urgente fare un passo deciso nella progettazione unitaria delle politiche della crescita e del lavoro, in autunno sarà indispensabile un progetto per lo sviluppo della nostra economia con una azione convergente della ricerca scientifica, delle politiche della innovazione delle imprese, della efficienza degli apparati pubblici in particolare a sostegno della crescita e della internazionalizzazione delle piccole e medie imprese. E di questa strategia è parte determinante una innovazione nella riduzione e nel controllo del debito pubblico. Questo è il terreno su cui i nuovi Movimenti si giocano la legittimazione a realizzare il cambiamento vero del Paese.

 

di PALAZZI & POTERE

Fonte: https://bit.ly/2mDGJ9a

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

M. Michelini, business manager Qibit Italia - Agenzia per il lavoro Gi Group, F. MeTA Giornalista Cor.Com, P. Prestinari, amministratore delegato di Fattore Mamma-Media, Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Ca
Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Carloni, Consigliere della Regione Marche
Nicola Maccanico, Vicepresidente Vicario Associazione CIVITA
Aturo Siniscalchi Vicepresidente AIDR
Arturo Siniscalchi Dirigente Formez PA e Vicepresidente iTalian Digital Revolution (AIDR)
Antonio Palmieri (FI) Componente Intergruppo Innovazione
Francesco Boccia (PD) Presidente V Commissione bilancio,tesoro e programmazione, Federica Meta, giornalista Cor.Com. e Mauro Nicastri Presidente Italian Digital Revolution (AIDR)
Sergio Alberto Codella Segretario Generale AIDR

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri sala della Lupa
Sono ormai diversi anni che le aziende italiane, che lavorano nel settore dell’information technology, sviluppano dispostivi che consentono di monitorare le condizioni strutturali di un'opera pubblica e segnalare possibili anomalie. Di conseguenza ....
mer 15 ago, 2018
SINISCALCHI
La digitalizzazione non è un processo fine a se stesso. Chiaro il messaggio del ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, la quale ha sottolineato che sotto questo aspetto “troppe volte sono state annunciate svolte immediate, ....
mar 07 ago, 2018

Eventi correlati

,
Dal 23-05-2017
al 25-05-2017
Luogo: Roma Convention Center "La Nuvola"
Dal 23 al 25 maggio 2017 al Roma Convention Center "La Nuvola", fari puntati sullo sviluppo del Paese. Al centro il ruolo abilitante delle tecnologie.
ITALIAN DIGITAL REVOLUTION
Data: 02-05-2017
Luogo: Biblioteca della Camera dei Deputati, Palazzo San Macuto, Sala del Refettorio, Via del Seminario, 76 Roma
"La Funzione Pubblica della digitalizzazione: scenari e prospettive", Martedì 2 Maggio 2017, ore 17, Biblioteca della Camera dei Deputati

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589