Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » L'Italia mette il turbo sulla blockchain. Di Maio firma a Bruxelles l'accordo di partenariato UE

L'Italia mette il turbo sulla blockchain. Di Maio firma a Bruxelles l'accordo di partenariato UE

26-09-2018
Luigi Di Maio e Davide Casaleggio

Il Governo Italiano rappresentato dal Vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, firmerà questo giovedì a Bruxelles l’accordo Europeo di partenariato sulla Blockchain.

Sono 22 i Paesi dell’Unione europea che ad aprile 2018 avevano siglato una dichiarazione per istituire ufficialmente la European Blockchain Partnership.


L’Italia ne era rimasta fuori.

Il partenariato, aveva spiegato Bruxelles, costituisce uno strumento per la cooperazione tra gli Stati membri per lo scambio di esperienze e competenze in campo tecnico e normativo e per la preparazione al lancio di applicazioni blockchain a livello UE attraverso il mercato unico digitale, a beneficio del settore pubblico e privato.

Il Partenariato consentirà all’Italia di aderire all’Osservatorio e il forum blockchain dell’Ue, permettendo alle imprese italiane di poter usufruire al meglio degli oltre 80 milioni di euro in progetti a sostegno dell’uso della blockchain nelle aree tecniche e sociali.

Circa 300 milioni di euro in più saranno assegnati entro il 2020 al settore.

Contemporaneamente il Governo Italiano dovrebbe lanciare la Call, annunciata ad agosto in sede di audizione sulle linee programmatiche del Governo in materia di ICT, diretta a formare un Gruppo di esperti in grado di sostenere le Istituzioni nella redazione del piano nazionale sulla Blockchain.

 

di Fulvio Sarzana

Fonte: https://bit.ly/2zuUxdI

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Carlo Flamment; Francesco Verbaro; Carlo Mochi Sismondi ; Gianluca Maria Esposito; Alessandro Bacci.
L'intervento del Sottosegretario di Stato alla Giustizia Cosimo Maria Ferri
La platea dei partecipanti
Mauro Nicastri, Presidente AIDR dirigente dell'Agenzia per l'Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il vice presidente AIDR Arturo Siniscalchi, dirigente di Formez
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc
I relatori e i partecipanti al convegno
Da sinistra: Sergio Albero Codella, Segretario Generale AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Andrea Napoleone, Avvocato Direzione Legale ANAS S.p.A
Mauro Nicastri, Presidente AIDR

Notizie e Comunicati correlati

1
Le nuove diete mediatiche degli italiani: tv e radio sul web, nuovi record per smartphone e social network. Nel 2018 la televisione registra una leggera flessione di telespettatori, determinata dal calo delle sue forme di diffusione più tradizionali. ....
mar 16 ott, 2018
AIDR
Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e Canon Italia spa (www.canon.it), brand giapponese leader mondiale nel settore del “digital imaging”. A sottoscrivere l’intesa, ....
gio 11 ott, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589