Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Linee guida per cambiare la PA digitale: rivoluzione o utopia?

Linee guida per cambiare la PA digitale: rivoluzione o utopia?

m
18-09-2017

Una delle novità “per addetti ai lavori” contenute nello schema di decreto correttivo del Codice della Pubblica Amministrazione Digitale si trova all’articolo 71.

Questo numero non dirà (giustamente) nulla ai più.

Chi frequenta la legislazione della PA digitale sa che invece è il riferimento, più volte invocato nel CAD che, sino ad oggi, si trovava laddove c’era bisogno di norme di attuazione di qualche disposizione.

Modalità di conservazione del documento digitale? Regole tecniche.

Firma digitale? Regole tecniche.

Rapporti tra gestori di identità SPID e servizi online? Regole techniche.

Molte regole tecniche però, nella pratica, non sono mai state emanate.

Il procedimento per la loro emanazione era infatti abbastanza complesso, passando per una concertazione di Agid con i ministeri interessati, il Garante Privacy e la Conferenza Stato-Regioni e poi un’approvazione con decreto ministeriale.

Il “novissimo” CAD ora tenta di semplificare degradando le regole tecniche a “linee guida”.

In sostanza, laddove il Codice richiede che qualcosa sia meglio delineato dal punto di vista tecnico in una normativa di dettaglio e rinvia al procedimento ex art. 71, l’Agid approva “regole tecniche”.

Il procedimento prevede una consultazione, anche qui, di Garante Privacy e conferenza Stato-Regioni ma non dei Ministeri interessati; si deve poi effettuare una consultazione pubblica della durata di 30 giorni (viene così da pensare che l’opportunità per i Ministeri di dire qualcosa sia in questa fase) e poi possono essere adottate pubblicandole sul sito dell’Agid e sulla Gazzetta Ufficiale.

Il procedimento, come si vede, è enormemente più snello e, nei fatti, trasforma l’Agid in una Autorità di regolamentazione dell’amministrazione pubblica digitale.

Questo sarebbe un cambiamento epocale perché sottrae, nei fatti, la funzione regolamentare dell’Agid alla supervisione del Ministero della Funzione Pubblica: l’Agid, anzi diviene arbitro e coordinatore dell’attuazione del CAD.

L’unica perplessità riguarda lo status e la capacità di tale “linee guida” nell’ordinamento.

Qualche giorno fa ho segnalato lo scarso coordinamento di alcune disposizioni del rinnovato CAD rispetto ad altre parti dell’ordinamento, specie in materia di domicilio digitale/notifica; in tali materie ci sono norme di Legge (dunque norme c.d. “di grado primario”) che consentono notifiche a indirizzi diversi dal domicilio digitale e non c’è coordinamento con il CAD, che, pure è una norma primaria; ora, in simili situazioni di scarso coordinamento/contrasto, se quanto previsto da “linee guida” si trova a contraddire quanto previsto in altre Leggi, Decreti o Regolamenti, cosa prevale? La linea guida è infatti una norma di tipo nuovo ed atipico e non sembra di grado inferiore, nella scala delle fonti del diritto, alle Leggi ma anche ai Regolamenti.

In fase di limature al correttivo, auspicherei che si scrivesse una parola per meglio inquadrare le “Linee Guida” a livello di sistema normativo e, magari, dare ad esse uno status equivalente ad un Regolamento di emanazione governativa.

Con questa aggiunta, il sistema potrebbe rappresentare una significativa innovazione e semplificazione.

Eugenio Prosperetti, avvocato, docente informatica giuridica LUISS “Guido Carli”, Roma

Fonte:
http://bit.ly/2xL7VKO

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

fattura
Avviato l’obbligo dell’eFattura anche tra privati. Ma, con un fuoco solo sull’anti-frode, si perdono di vista gli obiettivi originari: promuovere il digitale tra le aziende. Che ora potrebbero addirittura dover pagare per un doppio adempimento. ....
sab 21 ott, 2017
digitale
Forse prima di aggiungere norme su norme, che difficilmente i piccoli enti riusciranno ad attuare, sarebbe meglio semplificare, razionalizzare. In questo senso ci sono già molti strumenti come la legge Delrio, che potrebbero aiutare gli enti locali ....
dom 15 ott, 2017

Eventi correlati

,
Dal 23-05-2017
al 25-05-2017
Luogo: Roma Convention Center "La Nuvola"
Dal 23 al 25 maggio 2017 al Roma Convention Center "La Nuvola", fari puntati sullo sviluppo del Paese. Al centro il ruolo abilitante delle tecnologie.
ITALIAN DIGITAL REVOLUTION
Data: 02-05-2017
Luogo: Biblioteca della Camera dei Deputati, Palazzo San Macuto, Sala del Refettorio, Via del Seminario, 76 Roma
"La Funzione Pubblica della digitalizzazione: scenari e prospettive", Martedì 2 Maggio 2017, ore 17, Biblioteca della Camera dei Deputati

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589