Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Le professioni digitali spingono il lavoro: ecco le più richieste del 2018

Le professioni digitali spingono il lavoro: ecco le più richieste del 2018

professioni digitali
17-11-2017

In Italia la domanda di IT specialist salirà del 56%. Aziende a caccia di esperti IoT e security. Retribuzioni annue fino a 70mila euro. I dati dell'Ossevatorio Antal Italy.

Le professioni digitali trainano il mercato del lavoro. A scattare la fotografia l'Osservatorio di Antal Italy, multinazionale nell'ambito della ricerca e selezione di personale, secondo cui questo tipo di lavori crescerà del 56% in Italia. Tra le figure più richieste: specialisti in IoT-telematics, IT security e sviluppatori. Le aziende che assumeranno di più sono quelle collocate nel Nord Italia (48%), poi quelle del Centro (36%) e, infine, le aziende presenti nel Sud e nelle Isole (16%).

Tra i profili più ricercati c'è lo specalista IoT. E non a caso. Oggi, in Italia, il mercato IoT vale quasi 3 miliardi e ha registrato una crescita del 40% nel 2017 rispetto all'anno precedente. Oltre la metà del fatturato è stata generata dai contatori intelligenti e dalla diffusione di auto connesse, il resto da sistemi di smart building (18%), smart logistics (9%) e smart home (7%). Questa crescita aumenta naturalmente la caccia agli esperti, esperti che arriveranno a guadagnare nel 2018 - parliamo di retribuzioni annue lorde - dai 25 ai 30 mila euro, se si tratta di posizioni entry level, e dai 35 ai 45 mila euro per i professionisti co qualche anno di esperienza in più. I profili manageriali guadagneranno fino a 70 mila euro.

Sotto i riflettori si trovano anche i professionisti dell'IT security sulla spinta del Gdpr, il nuovo regolamento Ue sulla pricavy, che entrerà in vigore a maggio 2018. "Gli specialisti -afferma Felice Perrone, team manager della divisione IT-financial services di Antal Italy- in ambito sicurezza informatica negli ultimi 5 anni sono passati da circa 3.500 a quasi 6.000 nel 2017 con un incremento dunque del 60%. Analizzando nello specifico questo trend di assunzioni, che seguono di norma gli investimenti delle aziende, c'è stato un aumento di circa il 20% nel 2017 rispetto all'anno precedente e noi riteniamo che questo trend proseguirà anche per il 2018". Le figure maggiormente ricercate saranno quelle con competenze trasversali tra compliance e sicurezza It e avranno delle retribuzioni che partiranno dai 28 mila euro lordi per le figure junior fino ad arrivare ai 70 mila euro per le figure senior. I profili manageriali avranno, invece, una Ral di circa 120mila euro.

Nel settore consulenziale l'innovazione tecnologica richiesta dalle aziende continuerà a far crescere la domanda di professionisti in ambito developer. La stima è di +25% rispetto al 2017. "Per quanto concerne -chiarisce Felice Perrone- gli sviluppatori per le figure dirigenziali la base di partenza sarà di 50 mila euro, per poi passare ai profili middle con una retribuzione annua lorda che si attesterà tra i 30 e i 40 mila euro. I salari saranno più bassi invece per i profili junior che non supereranno i 30 mila euro". "Le categorie più ricercate in Italia -sottolinea- saranno il software developer e lo sviluppatore full stack, che percepiranno una Ral media di 40 mila euro. Per i neolaureati in informatica molte società di consulenza stanno puntano sulla formazione interna tramite delle Academy, proponendo loro contratti di entry level intorno ai 20-25 mila euro senza stage ma direttamente con un'assunzione a tempo indeterminato".

F. Me

Fonte: http://bit.ly/2jxSr7c

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Francesco Boccia (PD) Presidente V Commissione bilancio,tesoro e programmazione, Federica Meta, giornalista Cor.Com. e Mauro Nicastri Presidente Italian Digital Revolution (AIDR)
M. Michelini, business manager Qibit Italia - Agenzia per il lavoro Gi Group, F. MeTA Giornalista Cor.Com, P. Prestinari, amministratore delegato di Fattore Mamma-Media, Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Ca
Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Carloni, Consigliere della Regione Marche
Mauro Nicastri, Presidente dell'Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Sergio Alberto Codella Segretario Generale AIDR
Arturo Siniscalchi Dirigente Formez PA e Vicepresidente iTalian Digital Revolution (AIDR)
Nicola Maccanico, Vicepresidente Vicario Associazione CIVITA
Aturo Siniscalchi Vicepresidente AIDR

Notizie e Comunicati correlati

giovani lavoro
«Inadeguati». Questo il bollino più bruciante che le aziende salentine hanno messo ai curriculum di laureati e diplomati in cerca di un posto di lavoro. Tra quelli con curriculum difficile da reperire e quelli che non si dimostrano ....
mer 17 gen, 2018
lavoro
Cresce richiesta di nuove professionalità ma mancano competenze Dunque, l’innovazione cerca professionalità che non si trovano. «Le persone più qualificate - afferma Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative - saranno ....
gio 07 dic, 2017

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589