Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Le madri digitali chiedono interventi concreti alle istituzioni

Le madri digitali chiedono interventi concreti alle istituzioni

Italian
08-06-2017

Il convegno organizzato alla Camera da FattoreMamma e Italian Digital Revolution

Enrico Costa: “Sempre più necessario il testo unico della famiglia”

Chiedono a gran voce di essere ascoltate, riconosciute e sostenute dalle istituzioni le madri digitali. Magari accorciando le distanze con le sedi decisionali grazie all’impiego delle nuove tecnologie. Come ha dimostrato il convegno organizzato in Parlamento dall’agenzia FattoreMamma con l’associazione Italian Digital Revolution presso il Palazzo dei gruppi della Camera e al quale sono intervenuti numerosi esponenti di spicco del mondo politico e imprenditoriale.

Al centro del dibattito, che si è sviluppato in più direzioni, le mamme blogger, iperconnesse, che sono sempre più numerose in Italia e pronte a ricercare soluzioni ai problemi della vita di tutti i giorni.
“Nel nostro paese crescono solo le famiglie con figli unici – ha affermato il ministro per gli Affari regionali con delega alla famiglia, Enrico Costa – e i dati sulla natalità non sono positivi”. Nel 2016 secondo l’Istat è stato battuto il record negativo che risaliva all’anno precedente, il 2015, quando le nuove vite erano state 486mila: il dato infatti è sceso a 474mila. Preoccupa quindi il calo demografico, dovuto anche, secondo Costa, “alle difficoltà a conciliare la vita lavorativa con quella familiare. Anche per questo necessita l’introduzione di un testo unico, una norma di buon senso che metta insieme tutte le misure a sostegno della famiglia. Crescono invece le mamme digitali. Sotto questo aspetto i numeri sono incoraggianti, anche perché è fondamentale che la tecnologia venga utilizzata per raggiungere determinati obiettivi”.
Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha invece inviato un messaggio agli organizzatori in cui ha sottolineato l’importanza del ruolo delle mamme e della rete che può “dare un grande aiuto come strumento di confronto e di discussione”.

Durante l’incontro è stato presentato il sondaggio realizzato da FattoreMamma allo scopo di esplorare le reali esigenze dell’universo materno e preparare una sorta di vademecum per chi vuole costruire un contesto sociale e psicologico scevro da particolari difficoltà.
A rispondere su argomenti quali lavoro, scuola e salute, sono state 1.242 madri italiane. Significativo l’esito: “Il 75% delle intervistate – si legge nel report – sottolinea l’inconciliabilità tra vita lavorativa e familiare adducendo come esempi principali il rientro dalla maternità troppo precoce (soprattutto se si pensa che l’allattamento al seno è vivamente consigliato dall’OMS almeno fino al sesto mese di vita del bambino), la mancanza di misure di incentivazione delle aziende affinché considerino il lavoro femminile una opportunità, invece che un ‘problema’, la necessità di maggiore flessibilità di orari. Il 62% richiede un maggiore sostegno economico a favore della maternità e il 58% più tutela dal punto di vista legislativo”.

Per quanto riguardo la scuola, “l’incompatibilità con gli orari di lavoro è riconosciuta dal 60% delle intervistate come la problematica principale seguita dalla mancanza di sostegno economico. Il paragone con gli altri paesi europei, dove il sistema scolastico prevede una distribuzione delle vacanze e una gestione degli orari più flessibile, viene citato spesso come esempio da seguire. Un tema ricorrente è l’inaccessibilità degli asili nido, che si concretizza da una parte nella poca disponibilità di posti dei nidi pubblici, dall’altra nei costi insostenibili di quelli privati”.
Sulla salute, “il 67% delle intervistate ritiene i lunghi tempi di attesa per le prestazioni sanitarie il problema principale, soprattutto se riguarda gli esami per la gravidanza (in alcune regioni si dovrebbero prenotare prima del concepimento per avere la certezza di usufruire del servizio nei tempi dovuti), ma anche quelli per i bambini affetti da patologie, da disabilità o DSA (si è costrette a ricorrere al settore privato per avere diagnosi e impostare la terapia in tempi brevi). A questo tema si lega inevitabilmente la necessità di un sostegno economico e di agevolazioni per l’acquisto di farmaci e per le prestazioni sanitarie in genere”.

Quindi, “evidenziate le criticità – hanno sostenuto le autrici dell’indagine – abbiamo chiesto alle mamme di proporre soluzioni: l’83% delle intervistate riterrebbe utile poter dialogare direttamente con le istituzioni attraverso una piattaforma digitale. Il pensiero diffuso è che esista un gap tra le esigenze concrete delle mamme e l’idea che di esse hanno le istituzioni e un dialogo diretto potrebbe favorire una maggiore comprensione delle loro istanze”.

“La genitorialità andrebbe riconosciuta come ‘lavoro sociale’. Perciò – ha asserito Jolanda Restano, fondatrice di FattoreMamma – ma anche con convinzione. Siamo con gli adolescenti la fascia di popolazione più digitalizzata: è tempo secondo noi di cogliere l’opportunità per modernizzare il paese partendo anche dal rendere le donne e le mamme più libere di contribuire in ogni modo alla sua crescita”.
Per la socia dell’AIDR Rosangela Cesareo “ora più che mai c’è bisogno di formazione, di preparare chi ha uno strumento ma è ancora incapace di usarlo. E si deve partire dal basso, dalle scuole. Così come le altre materie deve trovare spazio anche il digitale. È questa la vera rivoluzione della nostra era di cui tutti devono prendere coscienza e agire di conseguenza”.

Su questo fronte, ha spiegato Davide D’Amico, dirigente del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, “il Miur ha avviato una serie di interventi mirati affinché vi sia in ogni scuola un animatore digitale al fine di sensibilizzare i professori sul tema. Infatti, se vogliamo che i nostri figli abbiano delle competenze specifiche e conoscano i rischi della rete, bisogna anzitutto formare i docenti che sono circa 700mila”.
 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Giancarla Rondinelli, giornalista Mediaset, Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Platea
La platea dei partecipanti
Da sinistra: Rosangela Cesareo, socia Aidr, Jolanda Restano Ricercatrice Farmaceutica, Alberto Chalon Direttore Generale Qwant.com, Federica Piccinini, influencer e blogger, On Enza Bruno Bossio, Davide D'Amico, dirigente Miur e socio Aidr
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
AIDR e Fattore Mamma
Da sinistra: Mauro Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello

Notizie e Comunicati correlati

aidr
Al via il premio “Rating di legalità nella Pubblica amministrazione”. Martedì 21 novembre la conferenza stampa di presentazione. Parte il premio nazionale “Rating di legalità nella Pubblica amministrazione”. ....
mar 14 nov, 2017
AIDR
Il convegno organizzato alla Camera dall’associazione Italian Digital Revolution. Si avverte sempre più la necessità di puntare su nuovi sistemi di gestione della sanità. Con prestazioni mediche a base di bit e telemedicina. ....
mer 11 ott, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589