Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » La Web tax "leggera" vale un miliardo di euro

La Web tax "leggera" vale un miliardo di euro

WEB TAX
01-06-2017

La Camera dà il via libera alla manovra che apre la strada alla tassazione per le big company: cooperazione rafforzata con il Fisco per definire l'ammontare delle tasse dovute. Ora la palla passa al Senato.

Accordi volontari e preventivi tra i colossi di Internet e il fisco. La "manovrina" (Dl 50/2017) convertita in legge con il voto di fiducia della Camera apre la strada verso la web tax: si introducono che norme che si rivolgono alle imprese che appartengono a multinazionali con ricavi consolidati superiori a 1 miliardo di euro e vendono beni e servizi in Italia per oltre 50 milioni. Secondo Francesco Boccia, deputato del Pd e presidente della commissione Bilancio, la web tax "light" potrebbe garantire allo Stato un miliardo di euro nel 2017.

La web tax è una procedura di cooperazione rafforzata attraverso lo strumento dell’adempimento collaborativo già previsto nel nostro sistema.

L’articolo 1 bis introdotto in sede di conversione del Dl 50/2017 approvato ieri dalla Camera - manca ancora il vaglio del Senato - prevede che le società e gli enti di ogni tipo, compresi i trust, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato che appartengono a gruppi multinazionali con ricavi consolidati superiori a 1 miliardo di euro annui e che effettuino cessioni di beni e prestazioni di servizi nel territorio dello Stato per un ammontare superiore a 50 milioni di euro annui, possono avvalersi della procedura di cooperazione e collaborazione rafforzata per la definizione dei debiti tributari dell’eventuale stabile organizzazione presente nel territorio dello Stato.

Le aziende hanno facoltà di richiedere all’Agenzia delle Entrate una valutazione della sussistenza dei requisiti che configurano la stabile organizzazione mediante presentazione di apposita istanza finalizzata all’accesso al regime dell’adempimento collaborativo.

Qualora in sede di interlocuzione con l’Agenzia delle Entrate sia constatata la sussistenza di una stabile organizzazione nel territorio dello Stato, per i periodi d’imposta per i quali sono scaduti i termini di presentazione delle dichiarazioni, si invia al contribuente un invito per l’accertamento con adesioneper definire, in contraddittorio con il contribuente, i debiti tributari della stabile organizzazione.

Nei confronti dei soggetti che estinguono i debiti tributari della stabile organizzazione, relativi ai periodi d’imposta per i quali sono scaduti i termini di presentazione delle dichiarazioni, versando le somme dovute in base all’accertamento con adesione le sanzioni amministrative applicabili sono ridotte alla metà.

Il reato per omessa dichiarazione non è punibile se i debiti tributari della stabile organizzazione nel territorio dello Stato, relativi ai periodi d’imposta per i quali sono scaduti i termini di presentazione delle dichiarazioni, comprese sanzioni amministrative e interessi, sono estinti aderendo all’accertamento con adesione.

In caso di mancata sottoscrizione dell’accertamento per adesione ovvero di omesso o parziale versamento delle somme dovute l’Agenzia delle entrate, entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello di notificazione dell’invito o di redazione dell’atto di adesione, accerta le imposte e gli interessi dovuti e irroga le sanzioni nella misura ordinaria.

Entro trenta giorni dalla data di esecuzione dei versamenti l’Agenzia delle entrate comunica all’autorità giudiziaria competente l’avvenuta definizione dei debiti tributari della stabile organizzazione. E’ previsto l’emanazione di un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate per l’attuazione della norma.

F. Me Fonte: http://bit.ly/2qExWsn

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Platea
Alcuni soci AIDR
Da sinistra verso destra: Enza Bruno Bossio, parlamentare e componente Intergruppo Innovazione, Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci (AIDR); Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confi
Alcuni soci AIDR
Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto
La platea dei partecipanti
"La Funzione Pubblica della digitalizzazione: scenari e prospettive", 2 maggio, Biblioteca della Camera dei Deputati  Metti in pausa	 -3:20Attiva audio Impostazioni visive aggiuntiveVisualizza a schermo intero

Notizie e Comunicati correlati

mmm
Un’intesa sul futuro delle amministrazioni condominiali nel mondo delle nuove tecnologie è stata firmata dal Presidente nazionale dell’ANAIP, l’Associazione Nazionale degli Amministratori Immobiliari Professionisti (www.anaip.it), ....
ven 23 giu, 2017
AIDR
Un accordo di collaborazione focalizzato sull’inclusione sociale e digitale è stato siglato a Roma tra l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e la Fondazione Labos (www.fondazionelabos.org), il “laboratorio per ....
mer 21 giu, 2017

Eventi correlati

Mamme
Data: 06-06-2017
Luogo: Camera Dei Deputati - Roma
FattoreMamma e Italian Digital Revolution organizzano una giornata in parlamento per attivare un dialogo tra le mamme e le Istituzioni.
ITALIAN DIGITAL REVOLUTION
Data: 02-05-2017
Luogo: Biblioteca della Camera dei Deputati, Palazzo San Macuto, Sala del Refettorio, Via del Seminario, 76 Roma
"La Funzione Pubblica della digitalizzazione: scenari e prospettive", Martedì 2 Maggio 2017, ore 17, Biblioteca della Camera dei Deputati

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
SIELTE
Service Tech
Pro Q
WhereApp
Echopress
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Gi Group
Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589