Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » La pubblicità digitale in Italia vale 2,65 miliardi di euro e cresce del 12%. Iab Forum: boom degli smartphone (+40%) che però raccolgono meno di quanto crescono

La pubblicità digitale in Italia vale 2,65 miliardi di euro e cresce del 12%. Iab Forum: boom degli smartphone (+40%) che però raccolgono meno di quanto crescono

29-11-2017
c

Gli investimenti pubblicitari sul digital aumenteranno in Italia nel 2017 a doppia cifra.
«Dopo aver chiuso il 2016 con un incremento del 9%», ha detto Carlo Noseda, presidente di IAB Italia (Interactive Advertising Bureau) aprendo i lavori dell’edizione 2017 dello IAB Forum, svoltosi il 29 novembre a Milano, «quest’anno il mercato torna a crescere a due cifre. La spesa pubblicitaria delle aziende sul digital si avvicinerà infatti ai 2,7 miliardi di euro, in aumento del 12% rispetto al 2016».

La crescita della pubblicità online si inserisce in un contesto di mercato dove il digital continua ad aumentare la sua centralità. Secondo la seconda edizione della ricerca di IAB/EY sul valore dell’economia digitale in Italia, di cui Andrea Paliani, Mediterranean Advisory Services Leader di EY, ha illustrato sul palco alcuni numeri, «l’economia digitale è arrivata a valere quest’anno 58 miliardi di euro, in crescita del 9% rispetto allo scorso anno, mentre, se consideriamo l’indotto, il giro d’affari tocca gli 80 miliardi. Aumentano anche gli occupati, 253.000 persone con un incremento del 15%, che diventano oltre 600.000 considerando l’indotto».

A spingere l’incremento a doppia cifra della raccolta pubblicitaria online è l’advertising sui social network e, in particolare, l’advertising video sui social, che pesa ora quasi la metà del totale su questo canale. La pubblicità su smartphone cresce ancora molto (circa del +40%), ma raccoglie meno del 40% del mercato totale dell’Internet advertising, a fronte di una quota di tempo speso sul canale mobile del 64%.

a
È un mercato sempre più concentrato, con un peso fortissimo dei grandi player internazionali (Google e Facebook in primis), che hanno il vantaggio di avere enormi quantità di informazioni sugli utenti online e di riuscire a raggiungere grandi audience.

Dal punto di vista dei formati pubblicitari, la display advertising rappresenta la parte più importante, come gli scorsi anni, con un peso pari al 60% dell’intero settore, un valore complessivo di circa 1,6 miliardi e una crescita del 17% rispetto al 2016. Segue la search, con il 29% sul totale e un valore di 770 milioni di euro (+5% vs 2016). Il terzo formato più diffuso è il classified advertising (8% sul totale) che supera i 210 milioni di euro (+ 7% vs 2016). Tra le altre componenti troviamo l’email advertising, che vale poco più di 30 milioni di euro (+ 3% vsl 2016) e il native advertising che, nelle sole componenti di Recommendation Widget e In-feed Unit (social network esclusi), è pari a circa 40 milioni di euro (+27% vs 2016).

a

Il mercato del Programmatic advertising è cresciuto, con un peso sul totale degli investimenti online advertising che passa dal 13% al 15% e un valore del 25% sul totale display advertising (nel 2014 era solo il 10%). Il Programmatic vale circa 400 milioni di euro e vede una forte spinta soprattutto grazie agli spazi video, che dal 2017 sono stati venduti in maniera importante sulle piattaforme programmatiche, arrivando a pesare ben oltre il 30% del valore del mercato.

Fonti: www.primaonline.it; www.engage.it

MAURO COVINO, Dipendente Formez , Studioso e Docente di Comunicazione presso le Università di Roma “La Sapienza”, Luiss “Guido Carli” , Lumsa e Bari. Socio Professionista Qualificato Associato a Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana ). Responsabile dell’Osservatorio sull’Andamento del Digitale Italiano dell’AIDR


 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Carlo De Masi, Giuseppe Scanni
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (4 ist,0 cat)
Mauro Nicastri Presidente Aidr
Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
Mauro Nicastri Presidente Aidr, Sen. Maria Rizzotti
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri

Notizie e Comunicati correlati

nicastri
  Si terrà martedì 23 ottobre a Roma il convegno “Il Cybersecurity ACT: strategia europea e priorità per l’Italia”. L’incontro è organizzato dalla Commissione Europea in Italia è curato da ....
dom 21 ott, 2018
AIDR
Lunedì 22 ottobre, alle ore 15 presso l’unità operativa di neuropsichiatria infantile dell’ospedale Gemelli di Roma diretta dal Prof. Eugenio Mercuri, Italian Digital Revolution (www.aidr.it) consegnerà alcuni tablet ai ....
sab 20 ott, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589