Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Interconnessioni, così i "giovani anziani" imparano a utilizzare la tecnologia

Interconnessioni, così i "giovani anziani" imparano a utilizzare la tecnologia

Interconnessioni
29-11-2017

In Umbria, cinque appuntamenti per far dialogare insieme nativi digitali e over 65. Hackaton e sportelli digitali per sviluppare nuove idee e nuove modalità per concepire l’innovazione.

In Umbria, il 22% della popolazione ha più di 65 anni d’età. E il 12% di loro ha tra i 65 e i 74 anni. Si tratta dei cosiddetti “giovani anziani”: in molti casi in grado di mettersi in gioco e di recuperare le competenze digitali di cui hanno bisogno per la vita di tutti i giorni. Da navigare su internet a utilizzare le applicazioni di uno smartphone. Messa in piedi dalla fondazione Mondo Digitale, dalla Regione Umbria e dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, “Interconnessioni ” è dedicato proprio a questa fascia d’età.

Nata all’interno del piano Agenda Digitale della Regione (pensato per il settore privato e pubblico), «l’idea è quella di coinvolgere gli studenti delle scuole superiori per aiutare i cittadini più anziani a conoscere e utilizzare nel modo più corretto, gli strumenti dei servizi pubblici. Ma non solo, con questo progetto vogliamo costruire un dialogo con coloro che vengono definiti i nativi digitali. Un dialogo da cui entrambe le generazioni possono trarre giovamento, soprattutto per sviluppare nuove idee e nuove modalità di concepire l’innovazione tecnologica», spiega la direttrice di Mondo Digitale Mirta Michili.

E infatti, il calendario (dal 27 novembre all’11 dicembre) dell’iniziativa è stato pensato con l’obiettivo di mettere in campo, da una parte le idee e i progetti: con due hackaton, uno a Perugia e uno a Foligno. Dall’altra, la diffusione di competenze utili tutti i giorni, come nel caso degli “sportelli digitali” a Città di Castello in cui gli studenti della cittadina umbra aiutano gli utenti più anziani a fare ricerche su internet e a compilare moduli online.

“GIOVANI ANZIANI” CONNESSI CON LO SMARTPHONE
Ma chi sono i “giovani anziani” e come utilizzano la tecnologia? Secondo l’Istat , in Italia, la maggior parte degli over 65 guarda la tv (96,5% degli intervistati) mentre solo il 22% naviga su Internet. E quando si connettono, lo fanno soprattutto attraverso uno smartphone: il 13,5% degli intervistati uomini e il 13,2% delle donne. E’ il caso di Ornella Ciani, 64 anni, ex dirigente comunale in pensione. Ornella è una delle partecipanti all’Health Hackaton (in programma il 27 novembre a Perugia) Un’iniziativa capace di coinvolgere 300 studenti delle scuole superiori della regione insieme a 30 over 65. Insieme, hanno sviluppato idee e progetti sul tema sanità e salute dei più anziani: dalle applicazioni per l’accesso ai servizi degli ospedali alle cartelle cliniche online.

i

I “giovani anziani” e la tecnologia

«Ho deciso di esserci per due motivi: da una parte vorrei che venisse migliorata la comunicazione con il cittadino, dall’altra per un motivo più semplice: volevo esserci, proprio perché sono io (e le persone come me) il destinatario delle idee e delle innovazioni che verranno fuori da questa giornata. Comprendere il mondo in cui viviamo è fondamentale, basta mettersi in gioco», spiega la donna. Infatti, oltre che utenti, i partecipanti “più anziani” diventano parte attiva, con le loro idee e impressioni. «In particolare mi piacerebbe puntare sulla cartella clinica online: sempre più interattiva e trasparente. Le modifiche e i cambiamenti devono essere visibili ai pazienti», continua.

NATIVI DIGITALI: COMPETENZE DA INDIRIZZARE
Maggiore trasparenza e anche una migliore comunicazione dei servizi offerti. L’idea di Andrea Cruciani è semplice: creare un’applicazione capace di dare indicazioni geolocalizzate sulla posizione dei reparti di un ospedale. Andrea ha 18 anni e frequenta l’istituto economico tecnologico Aldo Capitini di Perugia. «Sono uno studente di programmazione e la mia partecipazione è stata una scelta quasi obbligata. Ma in generale la mia generazione è proprio quella dei nativi digitali, con queste competenze ci siamo nati - dice a La Stampa Cruciani - il problema è fare in modo che queste capacità siano indirizzate al meglio e utilizzate per fare sistema».

«Interconnessioni dura solo una settimana. Ma allo stesso tempo, si tratta di un esperimento, nato per mettere in moto un processo di innovazione tecnologica più lungo- spiega Mirta Michili - sta alla regione Umbria decidere se e come mettere in pratica le idee che verranno fuori». 

Marco Tonelli

Fonte: http://bit.ly/2ihsNDv

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

a
Domicilio digitale, non significa solo “da oggi le multe del comune arrivano nella tua casella di posta elettronica”. Far passare questa comunicazione sarebbe un errore gravissimo.  In attesa della realizzazione dell’Anagrafe nazionale ....
dom 15 lug, 2018
 Acquisizioni tecnologiche: l’Europa vende, la Cin
Cambia la pubblicità degli operatori per le offerte Internet. L’Autorità per le Comunicazioni (Agcom) ha infatti approvato una delibera che obbliga gli operatori a fare chiarezza nei confronti dei consumatori. E così chi offre ....
sab 14 lug, 2018

Eventi correlati

Festival del Fundraising
Dal 17-05-2017
al 19-05-2017
Luogo: Hotel Parchi del Garda Via Brusà 16-18 37017 Pacengo di Lazise (VR)
800 partecipanti per 80 workshop in 3 giorni per condividere idee, nuovi spunti e nuovi strumenti di raccolta fondi
Al TEDxRoma r5
Data: 08-04-2017
Luogo: Auditorium di via della Conciliazione Via della Conciliazione, 4, 00193 Roma
Al TEDxRoma 2017 immagineremo e progetteremo il futuro dei prossimi 20 anni. Il 2037 non è solo il futuro che regaliamo alle nuove generazioni, potremmo vederlo con i nostri occhi, viverlo attraverso le scelte che facciamo oggi e lì, nel 203

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589