Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » In che modo Google riutilizza i dati bancari di Mastercard

In che modo Google riutilizza i dati bancari di Mastercard

04-09-2018
google

Google riusa i dati bancari sulle transazioni offline forniti dal circuito di carte di credito per misurare l’impatto delle campagne pubblicitarie online sulle abitudini di acquisto di buona parte dei consumatori americani.

Per affinare il suo servizio pubblicitario, Google ha creato un ponte fra le campagne pubblicitarie online e gli acquisti reali che avvengono in negozio. Fra i partner più preziosi in questo ambito, Mastercard da più di un anno trasmette a Google, che paga per i dati in questione, uno storico delle transazioni anonimizzate di gran parte dei suoi clienti americani. L’annuncio dell’accordo segreto fra Google e Mastercard ha fatto molto rumore, con una pioggia di accuse nei confronti del motore di ricerca di violazione della privacy dei consumatori americani ignari, secondo quanto riportato da Bloomberg e ricostruito da Bfmtv.com.

In sostanza, l’accordo fra Google e Mastercard è finalizzato a comprendere meglio le abitudini di acquisto (reale) dei clienti del circuito di carte di credito per verificare l’efficacia delle campagne pubblicitarie online. In altre parole, monitorando gli acquisti in negozio, Google è in grado di calcolare l’efficacia delle pubblicità in Rete e di rivendere ai suoi inserzionisti queste informazioni sull’efficacia delle loro campagne online.

In concreto, Google è in grado di associare i profili degli utenti anonimizzati agli acquisti effettuati in negozi fisici. Associando questi dati, il motore di ricerca può fornire agli inserzionisti dei risultati cifrati sull’efficacia delle loro campagne pubblicitarie online, e sul grado di conversione delle campagne e dei click online in vendite reali in negozio.

Soltanto i clienti americani di Mastercard sono oggetto dell’accordo, siglato da un anno. Si tratta di clienti Mastercard che devono comunque disporre di un account Gmail e che devono aver dato il consenso all’utilizzo a scopi commerciali dei loro dati nei parametri dell’account.

Ma c’è un problema: i clienti di Mastercard non sono stati messi al corrente di questa pratica commerciale e dell’accordo siglato con Mastercard.

Analizzato fino al 70% delle transazioni bancarieMastercard e Google finora non hanno voluto commentare l’accordo. Tuttavia, Google garantisce che il programma non consente l’accesso alle informazioni personali e ai dati sull’identità degli utenti. Nemmeno l’ammontare delle spese effettuate in negozio sarebbe stato oggetto dell’accordo. Ciò nondimeno, la portata della partnership è enorme, visto che nel 2017 un quarto delle transazioni concluse negli usa nel 2017 è stata effettuata con Mastercard, secondo i dati di Nilson Report, citati da Bloomberg.

Di fatto, il servizio lanciato da Google un anno fa per misurare le vendite concluse in negozio negli Usa darebbe accesso alle abitudini di acquisto del 70% dei possessori di carte di credito e di debito presenti sul mercato che riguarderebbero anche altri circuiti oltre a Mastercard.

La misura dell’efficacia delle pubblicità online è strategica anche per le grandi piattaforme del web, che fanno della pubblicità in Rete la loro arma principale.

A giugno 2016 Facebook aveva annunciato di essere pronta all’utilizzo dei dati di localizzazione dei suoi membri per determinare in quali negozi si trovino. Il tool denominato “Local Awarness” sfrutta i dati del Gps o i segnali del WiFi per arrivare ad una precisa geolocalizzazione dei membri del social per veicolare pubblicità mirate.

 

di Paolo Anastasio
@PaoloAnastasio1

Fonte: https://bit.ly/2NL01pn

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

F. Cavallaro (Cisal), C De Masi (Flaei-Cisl), F. Meta (giornalista CorCom), D. Colaci (AGID), Mario Romano, (Confindustria), D. D'Amico, Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Notizie e Comunicati correlati

n
Il rapporto elaborato da Anitec-Assinform in collaborazione con Netconsulting cube stima aumenti più sostenuti di quelli registrati nel 2017 (+2,3% oltre quota 68 miliardi). Spinta dall’industria 4.0, crescita esponenziale per AI e blockchain. ....
mer 11 lug, 2018
b
SECONDO IL REPORT COMMISSIONATO DA HSBC, LE TRE NUOVE COMPETENZE RICHIESTE DALLA RIVOLUZIONE DIGITALE SONO CREATIVITÀ, CURIOSITÀ E COMUNICAZIONE Tagliano l’organico, trasferiscono i dipendenti, aumentano i costi di gestione. Nonostante ....
mer 11 lug, 2018

Eventi correlati

NETFORUM
Dal 10-05-2017
al 11-05-2017
Luogo: MiCo - Milano Congressi Ingresso Ala Nord: Via Gattamelata, 5 20149 Milano MiCo Gate 1
Netcomm Forum, evento per la digital trasformation italiana con più di 10.000 imprese, 150 sponsor, 3 convegni, 160 relatori e 46 workshop.
Due giorni dedicati al business, formazione e networking per far crescere la tua impresa.
Fashion, Design,

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589