Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Il Presidente Trump firma l'abolizione del Judicial Redress Act discriminando i cittadini non americani

Il Presidente Trump firma l'abolizione del Judicial Redress Act discriminando i cittadini non americani

GIUSEPPE GORGA
14-04-2017

Con il Judicial Redress Act si consentiva agli stranieri di fare causa agli USA a tutela della loro Privacy nell’ipotesi di accesso illegale ai dati da parte dell’amministrazione statunitense. Un diritto del quale già godono in Ue i cittadini statunitensi e che con la legge voluta da Obama era stato riprodotto per gli stranieri nei confronti dell’amministrazione o delle aziende americane in USA.

Con il Judicial Redress Act l’amministrazione Federale aveva dato prova di avere in considerazione la problematica della privacy, problema sorto come diretta conseguenza dello scandalo sul programma di sorveglianza della National security agency (Nsa) rivelato nel 2013 da Edward Snowden.

La legge voluta da Obama estendeva, quindi, ai cittadini stranieri la copertura garantita agli americani dal Privacy Act del 1974. Anche i non residenti potevano, in forza di questa legge far causa al governo degli Stati Uniti nel caso in cui i dati personali fossero svelati in modo illegale. Il provvedimento era stato approvato con largo consenso tra i repubblicani e i democratici. Un passo considerato necessario dai servizi segreti americani per ristabilire un clima di effettiva collaborazione con le autorità di altri Paesi, in particolare quelli dell’Unione europea.

Anche le grandi società di tecnologia avevano fatto pressione sulla Camera dei rappresentanti e sul Senato affinché il clima fosse raffreddato dopo le esplosive rivelazioni di Snowden e così anche la Apple si era impegnata a sviluppando ulteriori misure di protezione applicate all’iPhone per renderlo impenetrabile e quindi garantirne la segretezza dei dati per evitare un calo nelle vendite nonostante le tensioni avutesi in seguito alle pressioni degli investigatori federali per aver accesso al telefonino usato da uno dei terroristi autori della strage di San Bernardino.

Un passo, quello dell’amministrazione Americana che era parso utile per finalizzare l’accordo fra Washington e Bruxelles per sostituire il cosiddetto Safe Harbor con il 'Privacy shield' ma che ora con la nuova decisione del Senato e del Congresso torna nel nulla perché si azzera la privacy online e sarà consentita la vendita dei dati senza consenso degli utenti in quanto gli Internet server provider non dovranno più chiedere il permesso agli utenti per vendere le loro informazioni. 

Ma non tutti godono, alcuni potrebbero perdere cosi i giganti del web come PornHub e YouPorn potrebbero subire un vero e proprio terremoto nei loro bilanci in quanto la privacy per un utente del Web che si collega a un sito porno è un “prerequisito”. Se l’interessato sa che mentre consulta PornHub o YouPorn il suo internet serivce provide vende questa informazione si spaventa ed evita il sito ecco perché PornHub e YouPorn hanno annunciato il passaggio al "protocollo https", che rende la connessione criptata e quindi sicura. 

Queste vicende rendono sempre più evidente la necessità di un tribunale internazionale indipendente per la risoluzione dei conflitti in tema di privacy on line.

Dott. Giuseppe Gorga Responsabile dell’Osservatorio Information Security Privacy dell’Associazione “Italian Digital Revolution”

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Soro
A Key4biz l’Autorità per la protezione dei dati personali smentisce quanto riportato su Agendadigitale.eu, secondo cui il Garante privacy avrebbe congelato di 6 mesi le sanzioni alle aziende dopo l’entrata in vigore del Gdpr: ‘Il ....
ven 20 apr, 2018
p
Via al protocollo di intesa per difendere le reti e la piattaforma di e-procurement della spa del Mef. Al centro l’attività di monitoraggio e prevenzione del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture ....
ven 20 apr, 2018

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589