Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Il ministro Bongiorno: «Assunzioni mirate nella Pa e premi per chi aiuta il digitale»

Il ministro Bongiorno: «Assunzioni mirate nella Pa e premi per chi aiuta il digitale»

05-10-2018
Giulia Bongiorno

Premi ai dirigenti che aiutano i processi di digitalizzazione, ma anche assunzioni mirate. E così nella Pa immaginata dal ministro Giulia Bongiorno, dovrà entrare gente che ha competenze sul digitale, ma accanto a profili «in grado di semplificare le procedure, perché uno degli errori fatti finora è stato quello di immaginare di digitalizzare senza aver prima semplificato le procedure». Il ministro della Pubblica Amministrazione lo ha detto a Capri, dove è intervenuta all’11esimo Ey Digital Summit giocando subito a carte scoperte sui temi oggetto dei lavori.

La digitalizzazione nelle Pa italiane («perché esistono una varietà di pubbliche amministrazioni, non tutte vanno alla stessa velocità») è per il ministro «all’anno zero» e «sarà un percorso lungo». Per questo «va fatta un’operazione verità. In questi anni c’è stata una serie di annunci spesso fatti con grande enfasi. Credo che un errore che è stato fatto in passato è quello di dare per scontata la facilità con cui si fa la trasformazione digitale».

Il nodo Agid
Chiaro il riferimento ai governi precedenti di centrosinistra, ma il ministro Bongiorno non risparmia neanche l’Agid, l'agenzia per l’Italia Digitale. «Non sono d’accordo con quanto ha detto Diego Piacentini (il commissario straordinario per l'agenda digitale, ndr). Piacentini ha detto che l’Agid non va bene? Non solo non accolgo il suo consiglio ma dico che allora va rimessa in piedi e potenziata. Grazie a una procedura pubblica da qualche giorno abbiamo un nuovo direttore, Teresa Alvaro, che vanta all’attivo un’esperienza di eccellenza nelle Dogane al punto di aver ottenuto molti premi. Con Teresa Alvaro, che è bravissima, l’Agid tornerà a crescere».

Tagliare sì, ma non gli «asset»
Parlando dell’enorme ritardo nella digitalizzazione, Bongiorno ha chiarito che «c’è anche un pizzico di dolo. Esiste una certa ritrosia nella Pa. Ho cercato di indagare le ragioni. Da cosa nasce ritrosia? Innanzitutto l’età media dei dirigenti Pa è 56 anni, l’età media dei dipendenti è 52 anni. Quindi ci sono dirigenti che temono di rimanere ghettizzati. Non sarà così. Ma darò premi a chi favorirà il processo». Tutto questo però, chiarisce il ministro, potrà funzionare solo in un contesto in cui non si cederà alla tentazione facile delle sforbiciate. «Avendo fatto l’avvocato per 25 anni, ho capito - ha detto Bongiorno - che i tagli fatti alla Pa, che dal punto di vista del consenso vanno sempre bene, in realtà sono spesso tagli di asset. I tagli alla giustizia significano per esempio che non c’è il personale che consente di fare udienze fino alle 5». E i tempi lunghi della giustizia spaventano gli investitori. Inoltre la digitalizzazione «significa individuazione di un percorso di trasparenza, quindi si blocca la corruzione, si bloccano dei giochini».

Digitalizzazione a ostacoli
L’intervento del ministro Bongiorno a Capri nella seconda giornata dell’Ey Digital Summit arriva al termine di una mattinata in cui una ricerca Ey condotta in collaborazione con Ipsos e con il centro studi di Intesa Sanpaolo ha evidenziato le luci e le ombre del processo di digitalizzazione in Italia dove le resistenze culturali (54%) e le carenze di competenze specifiche (27%) sono tra gli ostacoli maggiori alla digitalizzazione. «Nel processo di trasformazione digitale che sta investendo la nostra economia, l’Italia - ha commentato Donato Iacovone, ad di Ey in Italia e Managing partner dell’Area Mediterranea - paga un’insufficienza di cultura e competenze digitali e una scarsa dinamicità delle start-up. Questi limiti, soprattutto per le pmi, possono essere superati se si realizza una “contaminazione” di attori esterni. Lo stimolo all’introduzione di nuove tecnologie può arrivare dai clienti, da consulenti, provider tecnologici o anche dai dipendenti, soprattutto per le aziende più giovani. Infrastrutture, cultura e competenze sono fondamentali per avviare il processo di digitalizzazione ma da sole non sono sufficienti a garantirne un’efficace ricaduta. Occorre che questi elementi vengano inseriti in un contesto di crescita dell'ecosistema di un’azienda, attraverso la collaborazione con clienti e fornitori, in grado di coinvolgere e trasformare l’intera filiera produttiva».

di Andrea Biondi

Fonte: https://bit.ly/2RtOrkM

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Alcuni soci AIDR
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM; Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai
La rivoluzione digitale è donna?
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Sergio Alberto Codella Segretario Generale AIDR
MAMME IN PARLAMENTO - CAMERA DEI DEPUTATI
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Vincenzo Panella,

Notizie e Comunicati correlati

Link Campus
di Piero Boccellato Il corso, che ha l’obiettivo di formare la nuova figura professionale del Data Protection Officer, prevede 12 borse di studio per l'anno accademico 2018-19.  Il nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati (679/2016) ....
ven 15 feb, 2019
Attias
di Luigi Garofalo  Luca Attias, commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale, ha scritto una lettera ai sindaci dei Comuni che non sono né migrati né in fase di pre-subentro nell’Anagrafe Unica: ....
gio 14 feb, 2019

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589