Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Il Giornale intervista il Presidente Mauro Nicastri

Il Giornale intervista il Presidente Mauro Nicastri

Mauro Nicastri
25-04-2018

E-government: la rivoluzione (digitale) non è un pranzo di gala.

Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è anche presidente e fondatore dell’Associazione Italian Digital Revolution, di cui fanno parte professionisti provenienti da diversi settori come avvocati, medici, commercialisti, giornalisti, docenti universitari, uniti dalla consapevolezza delle opportunità che il digitale può aprire oggi.

Nel variegato iter professionale, l’esperienza più significativa è stata quella che gli ha consentito di svolgere un ruolo di primo piano nel promuovere il percorso associativo dei Comuni calabresi e campani che, grazie al suo lavoro, hanno potuto partecipare da protagonisti alla realizzazione del piano nazionale di e-government.

Ha curato il coordinamento di progetti complessi in tema d’innovazione tecnologica ed in generale della Società dell’Informazione a livello regionale prima e a livello nazionale poi. È autore di numerosi articoli in tema di e-government e innovazione per la pubblica amministrazione.

«La rivoluzione digitale corre veloce e noi tutti dobbiamo imparare a capirne le potenzialità e sfruttarne quanto il più è possibile, se non vogliamo restare fuori dalla modernità», afferma Nicastri.

La vostra associazione è nata nel maggio del 2016 con un convegno dal titolo eloquente: L’Italia è pronta alla rivoluzione digitale? È già tempo di bilanci?
No, l’Italia ahimè non è pronta. I dati e i fatti a cui assistiamo quotidianamente lo dimostrano. Negli ultimi tre anni, in particolare, l’Italia vive un momento difficile. Non è stata in grado di portare a termine progetti che le avrebbero consentito di fare grandi progressi e così nell’Unione dei 28 l’Italia resta al 25esimo posto della classifica digitale davanti solo a Grecia, Bulgaria e Romania.

Diverse realtà hanno abbracciato il vostro progetto, attribuendovi un importante punto di riferimento per il digitale. Ce ne parla?
Si tratta di aziende, fondazioni, associazioni, enti di formazione, consapevoli delle opportunità del digitale e che hanno trovato in noi una collaborazione proficua. Sono realtà che, attraverso l’AIDR, si sono fatte carico delle complessità concrete della digital revolution, nel ridefinire la vita delle persone, promuovendo e sollecitando, nei riguardi dei differenti livelli di governo e in tutte le opportune sedi, ogni utile iniziativa volta a valorizzare la scarsa pubblicità delle novità introdotte, la poca aderenza alle esigenze effettive, il mancato sostegno politico, la bassa alfabetizzazione digitale.

Sembra di capire che stia emergendo una dimensione capillare dell’uso di strumenti informatici nel lavoro e non solo, con effetti significativi per tutti in termini di organizzazione di spazi e tempi.
Senz’altro. E sono destinati a cambiare, oltre ai modelli di business, sia la cultura sia l’identità delle pubblica amministrazione e delle imprese. In particolare nella pubblica amministrazione dove, per cavalcare la trasformazione in corso, sarà necessario puntare principalmente sulle risorse umane, valorizzando il più possibile il personale in servizio superando però il ritardo nella formazione, che rappresenta la vera spina nel fianco della crescita dell’intero Paese.

Eurostat prevede che saranno 200.000 i professionisti del settore di cui ci sarà bisogno in Italia entro il 2020 e già oggi, secondo diversi studi di settore, ammonta a 200 miliardi di euro il mancato fatturato delle aziende del comparto informatico per mancanza di professionalità adeguate. Cosa ne pensa?
Le competenze digitali rappresentano la vera sfida per la modernizzazione del Paese. Lo dimostrano le ricerche di due tra le più importanti agenzie multinazionali per il lavoro, GiGroup e Randstad, che hanno rilevato come in Italia oltre il 25% delle posizioni attualmente aperte resta vacante e, contestualmente, il numero di iscritti alle facoltà di informatica e ingegneria informatica non sta aumentando proporzionalmente la domanda. È evidente che l’unica strada per colmare questo gap è quella di rendere idonei alle nuove professioni ICT giovani che hanno scelto altri studi, ma che oggi fanno fatica a inserirsi nel mondo del lavoro e che sono il principale bacino cui attingere per portare nella pubblica amministrazione e nelle aziende le competenze necessarie alla trasformazione digitale.

Quindi?
Riteniamo che il divario tra domanda e offerta di e-skills potrà essere superato solo attraverso una formazione orientata alle competenze digitali sia nella pubblica amministrazione che nelle aziende. Finalmente il settore delle professionalità ICT è stato regolamentato dall’Agenzia per l’Italia Digitale con la pubblicazione delle Linee Guida per la qualità delle competenze digitali, recependo l’attività normativa tecnica nazionale e internazionale. Adesso ci sono tutte le condizioni per avviare piani formativi per fornire le competenze digitali, in particolare ai più giovani che rappresentano la forza lavoro del futuro. Per questo, abbiamo sottoscritto un accordo di collaborazione con l’Università Unitelma Sapienza, con l’obiettivo di formare le nuove forze lavoro del futuro, immaginate sulle esigenze della pubblica amministrazione e delle aziende italiane.

L’Italia è il paese più corrotto d’Europa. Cosa proponete per combattere la corruzione?
Nella mia ideologia di lotta alla corruzione, la legalità non può essere soltanto un valore formale. Alla base di una seria concezione della legalità ci deve essere la cultura della reputazione, del merito, della capacità di realizzare senza il bisogno di compromessi. Queste sono state alcune delle ragioni che ci hanno spinto ad istituire, per la prima volta in Italia, il Premio Rating di Legalità nella pubblica amministrazione.

Quali sono gli obiettivi che volete raggiungere attraverso questo premio?
Il Premio è unico nel suo genere, perché le pubbliche amministrazione premiate saranno selezionate attraverso un software dedicato che verifica la presenza dei requisiti previsti dal regolamento del premio, interroga i siti web delle pubbliche amministrazioni ed assegna a ciascuna di esse un tasso percentuale di copertura. Il lavoro del software sarà affidato ad un Comitato tecnico-scientifico che si occuperà di verificare la rispondenza delle informazioni raccolte. Saranno gratificate tredici pubbliche amministrazioni e la prima edizione 2018 si terrà il 15 maggio alle Scuderia del Quirinale. Il nostro obiettivo è quello di stimolare le Pubbliche Amministrazioni a migliorare i propri processi amministrativi attraverso l’uso delle tecnologie, per favorire la trasparenza, contrastare la corruzione e coinvolgere i cittadini nel monitoraggio civico dell’azione amministrativa. Adesso inizia il percorso più difficile: sensibilizzare i cittadini e fare pressione sulla politica sul tema della lotta alla corruzione. Per non farci trovare impreparati, abbiamo sottoscritto recentemente un accordo di collaborazione con una tra le più importanti agenzie di comunicazione, la Macchioni Communication Carpe Diem, per garantire la massima diffusione delle nostre iniziative.

Stefano Bini

Fonte: https://bit.ly/2qSTqzG

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Gian Luca Petrillo, Mauro Nicastri, Roberto Vescio, Maria Antonietta Spadorcia, Francesco Saverio E. Profiti, Sergio Alberto Codella, Andrea Bisciglia, Gennaro Petrone
Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr
Mauro Nicastri Presidente Aidr, Sen. Maria Rizzotti
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
Da sinistra: Mauro Nicastri, Rosangela Cesareo, Maria Antonietta Spadorcia, Cristiana Luciani, Elena Barbieri
La platea dei partecipanti
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc

Notizie e Comunicati correlati

Davide Giacalone
“Ricostituente. La potenza economica e la debolezza istituzionale” è il titolo del libro di Davide Giacalone edito da Rubbettino che verrà presentato mercoledì 27 giugno, a Roma, alle ore 17 presso lo Spazio Europa, nella ....
dom 17 giu, 2018
Arturo Siniscalchi
“Ottima l’idea di Italian Digital Revolution di organizzare, in collaborazione con la Macchioni communications carpe diem, un corso di formazione sui social network che si inserisce nel più generale piano del governo che mira a favorire ....
sab 16 giu, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589