Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Ibm rilancia al Sud con We|Lab: apre a Bari il polo della "Puglia 4.0"

Ibm rilancia al Sud con We|Lab: apre a Bari il polo della "Puglia 4.0"

14-07-2018
Industria 4.0

Il colosso americano annuncia l’apertura nella sede pugliese di un laboratorio per lo sviluppo di progetti 4.0 legati al territorio. Coinvolti il Politecnico e l’Università di Bari con stage curriculari e formazione per gli studenti. In campo anche le imprese locali

"Il We|Lab aiuterà i giovani nello sviluppo delle nuove competenze, avvicinandoli alle necessità delle imprese impegnate nei progetti di trasformazione digitale. Terremo vivo con il collante della tecnologia un circolo virtuoso di cooperazione tra le parti con cui sostenere la crescita di un’innovazione aperta e di un’economia della conoscenza". Enrico Cereda, amministratore delegato di Ibm Italia, spiega così l’apertura nella sede pugliese del colosso americano di un nuovo laboratorio per lo sviluppo di progetti digitali ad hoc per il territorio.

L’iniziativa è stata lanciata in collaborazione con il Politecnico e l’Università di Bari, oltre che con il sostegno di alcune aziende locali. Ibm punta a dare ulteriore slancio all’attività del centro di ricerca e sviluppo di Bari, operativo da oltre 20 anni, con l’obiettivo di mettere in piedi un polo di eccellenza a vocazione internazionale focalizzato sulle competenze negli ambiti dell’intelligenza artificiale e del cloud. La partnership strategica con i due atenei, spiega una nota, aprirà agli studenti dell’ultimo anno accademico la possibilità di svolgere stage curriculare e corsi di formazione sulla tecnologia di Ibm ottenendo crediti formativi.

L’approccio del progetto sarà fortemente pratico: attraverso modelli non convenzionali come il design thinking (il modello di gestione e risoluzione dei problemi che combina tecniche quantitative e pensiero intuitivo, ndr) e la co-creazione, i ragazzi si misureranno con le sfide portate da concreti casi aziendali e dalla prototipazione delle idee che ne nasceranno. Alcune collaborazioni con le imprese del territorio sono già state avviate: Natuzzi, Megamark, Farmalabor e Casillo Group. E nel circuito è entrata anche la facoltà di medicina dell’Università di Bari, naturalmente con un focus in ambito sanitario.

Il We|Lab di Ibm è in realtà attivo dallo scorso marzo. Tra i progetti partoriti rientra il disegno di una blockchain dedicata alla filiera dell’olio extravergine d’oliva (Evo), che vede coinvolti OlivYou, il più grande e-commerce italiano di olio Evo e alcuni produttori della regione. Una tecnologia che partirà dalla tracciatura del “cultivar” e del processo di molinatura, per estendersi poi a tutti altri passaggi critici della filiera e infine alla certificazione e alle funzionalità di richiamo di prodotto. L’ambizione è quella di innalzare la qualità di un’eccellenza enogastronomica italiana su tutti i mercati internazionali.

Ulteriore spinta è attesa dalle partnership che Ibm ha instaurato negli anni sul territorio pugliese. Proprio a Bari, in collaborazione con un grande player dell’energia, è nata la prima applicazione di gestione dei contatori elettronici in Italia. Ma l’impegno va oltre il settore energetico: i progetti su cui lavorano i 60 specialisti attivi nel laboratorio pugliese spaziano infatti dalle utility (soprattutto in tema di ciclo dei rifiuti, acqua e gas) al bancario passando per i trasporti.

di ANDREA FROLLA'

Fonte: https://bit.ly/2NfGrAD

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

M. Michelini, business manager Qibit Italia - Agenzia per il lavoro Gi Group, F. MeTA Giornalista Cor.Com, P. Prestinari, amministratore delegato di Fattore Mamma-Media, Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Ca
Francesco Boccia (PD) Presidente V Commissione bilancio,tesoro e programmazione, Federica Meta, giornalista Cor.Com. e Mauro Nicastri Presidente Italian Digital Revolution (AIDR)
Aturo Siniscalchi Vicepresidente AIDR
Sergio Alberto Codella Segretario Generale AIDR
Arturo Siniscalchi Dirigente Formez PA e Vicepresidente iTalian Digital Revolution (AIDR)
Antonio Palmieri (FI) Componente Intergruppo Innovazione
Nicola Maccanico, Vicepresidente Vicario Associazione CIVITA
Mauro Nicastri, Presidente dell'Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)

Notizie e Comunicati correlati

competenze digitale
Il percorso AGID di valorizzazione delle competenze digitali e di identificazione dei modelli di riferimento continua con l’aggiornamento delle “Linee Guida per la qualità delle competenze digitali nelle professionalità ICT” ....
mer 17 ott, 2018
donne digitali
Se volere è potere, per le ragazze italiane la sfida dell’innovazione appare tutta in salita: appena lo 0,2% delle quindicenni aspira a lavorare come professionista Ict all'età di 30 anni contro il 3% degli adolescenti maschi (che ....
lun 08 ott, 2018

Eventi correlati

Digital Day Ue
Data: 23-03-2017
Luogo: Roma 23 marzo dalle ore 10.00 in poi
Industria 4.0, big data, connected car e digital skills i pilastri della strategia che sarà illustrata durante l'evento annunciato come fra i più rilevanti nell'ambito delle celebrazioni del 60mo anniversario della firma dei Trattati di Roma
Digitalizzazione Imprese
Data: 21-03-2017
Luogo: Camera di Commercio Reggio Emilia dalle ore 10:30 alle ore 12:30
Seminario gratuito rivolto ad imprese del territorio che intendano avvalersi di alcuni interventi che il Ministero dello Sviluppo Economico ha attivato e sta per attivare in tema di digitalizzazione e Industry 4.0.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589