Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Crescere con il digitale per un Paese più giovane

Crescere con il digitale per un Paese più giovane

Melany Libraro
02-11-2017

Non è più tecnologia per nerd, avanguardia per pochi, freddo luogo virtuale altro rispetto alla vita reale. E non è più economia di nicchia.

Dal 2014 sono CEO di una digital company italiana. Sono cresciuta professionalmente prima a Londra e poi nella Silicon Valley, per tornare in Italia nel 2008 ad occuparmi di sviluppo di contenuti per mobile, quando lo smartphone non la faceva da padrone e gli utenti non vedevano la ragione di usare internet in mobilità. Sono passati meno di dieci anni, e oggi, secondo il Rapporto Italia 2017 di Eurispes, il 75,7% degli italiani ha uno smartphone, che è diventato parte integrante della vita del suo possessore. Attraverso di esso si racconta, socializza, si informa, scopre il mondo, fa acquisti. In una parola, vive.

Il digitale è oggi, adesso, ovunque. Non è più tecnologia per nerd, avanguardia per pochi, freddo luogo virtuale altro rispetto alla vita reale. E non è più economia di nicchia: secondo una ricerca EY e Iab Italia, nel 2016 l’economia digitale pesava per il 3,3% del Pil italiano. In questo mutato scenario, il compito di una digital company è sempre più quello di indicare una via, sperimentando per prima quello che gli altri faranno poi.

Subito è nato nel 2007 in Italia, con la consapevolezza che il digitale avrebbe integrato il reale, creando un’esperienza di valore. La formula del successo a volte sta nella semplicità: Subito ha messo a disposizione degli utenti il potenziale di visibilità della rete, creando una vetrina virtuale al servizio di compravendite reali. In questi 10 anni l’azienda è cresciuta costantemente a doppia cifra, fino a raggiungere 1 italiano connesso su 3. Ogni giorno grazie alla piattaforma si fanno 60.000 affari reali che contribuiscono allo sviluppo della Circular Economy, in grado di conciliare crescita economica e sostenibilità ambientale, come raccontato al Festival della Crescita, cornice ideale per condividere progetti virtuosi di sviluppo socio-economico.

Ma per le aziende, penso soprattutto alle PMI o ad alcune realtà della PA, l’integrazione digitale a volte non è stata ancora messo a fuoco come vera opportunità di crescita per il proprio business. La rete è una vetrina potentissima, basta imparare a usarla. Un esempio: ogni giorno 2 milioni di italiani vengono su Subito per cercare la propria auto. Quale concessionario sul territorio può beneficiare di un pubblico di potenziali clienti così ampio? Tutti noi abbiamo imparato a usare i social per il nostro personal branding, perché non applicare lo stesso principio anche al business?

Chiudo portando l’attenzione sul “capitale umano”, che rende possibile l’esistenza stessa del digitale. Il 35% dei 250 dipendenti di Subito è dedicato allo sviluppo tecnologico e di prodotto. Dietro a un sito o a una app ci sono mesi di lavoro, che richiedono competenze specifiche, in grado di trasformare la tecnologia più avanzata in immediatezza di utilizzo. Il nostro prodotto è nato e cresciuto in Italia, il nostro team è tutto italiano: sviluppatori, product owner, data architect di altissimo livello che lavorano “dietro le quinte” per restituire all’utente la purezza della semplicità. Professioni appassionanti, sempre più richieste dal mercato, ma ancora difficili da trovare. Il compito di una digital company italiana è anche quello di stimolare il Paese a valorizzare il suo potenziale umano, per questo uno dei prossimi obiettivi di Subito è quello di supportare le istituzioni nell’orientamento dei ragazzi e delle ragazze, per raccontare loro la bellezza e la complessità delle professioni del futuro, affinché possano scegliere consapevolmente ciò che faranno da grandi. 

MELANY LIBRARO, Ceo di Schibsted Italy (Subito, InfoJobs, Pagomeno)

Fonte: http://bit.ly/2iUnbit

Nella foto Melany Libraro nella sede di Subito con un gruppo di collaboratori

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

smart working
Anche in Italia avanza progressivamente lo smart working. Il “lavoro intelligente” - da non confondere col telelavoro - , è la possibilità di operare flessibilmente, slegati da un luogo fisico ma gestendo in piena autonomia il ....
mar 24 apr, 2018
Rai
Il passaggio al digitale diverrà prima o poi per tutti un passo obbligato. La Rai ha scelto di giocare un po’ in anticipo, decidendo di investire sul digitale e di implementare una rete nazionale entro brevi periodi Prima è toccato ....
mer 18 apr, 2018

Eventi correlati

Festival del Fundraising
Dal 17-05-2017
al 19-05-2017
Luogo: Hotel Parchi del Garda Via Brusà 16-18 37017 Pacengo di Lazise (VR)
800 partecipanti per 80 workshop in 3 giorni per condividere idee, nuovi spunti e nuovi strumenti di raccolta fondi
Al TEDxRoma r5
Data: 08-04-2017
Luogo: Auditorium di via della Conciliazione Via della Conciliazione, 4, 00193 Roma
Al TEDxRoma 2017 immagineremo e progetteremo il futuro dei prossimi 20 anni. Il 2037 non è solo il futuro che regaliamo alle nuove generazioni, potremmo vederlo con i nostri occhi, viverlo attraverso le scelte che facciamo oggi e lì, nel 203

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589