Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Corruzione, via libera al Senato sulla legge che tutela chi denuncia il malaffare nella PA

Corruzione, via libera al Senato sulla legge che tutela chi denuncia il malaffare nella PA

Corruzione
04-11-2017

La normativa conosciuta come whistleblowing tornerà poi alla Camera: difficile l'approvazione entro la fine della legislatura.

Approvato al Senato il disegno di legge sul whistleblowing a tutela dei dipendenti pubblici e privati che segnalano reati o irregolarità sul proprio posto di lavoro. Il testo emendato è passato al Senato con 142 voti favorevoli di M5S, Pd e Articolo 1-Mdp. Contrari Forza Italia e Ala. La rifroma tornerà ora alla Camera dove nel 2016 era stata approvata in prima lettura. Una delle novità introdotte con gli emendamenti presentati in commissione Affari costituzionali riguarda il reintegro sul posto di lavoro di chi è stato licenziato perchè segnalante.

La riforma, che segue le linee guida dell'Anac, l'Autorità nazionale Anticorruzione, per adempiere alle richieste dell'Unione Europea, ha come prima firmataria la deputata Cinquestelle Francesca Businarolo. La normativa rafforza la legge attualmente in vigore del 2012 che ha introdotto nel testo unico del pubblico impiego una prima disciplina generale di protezione del dipendente pubblico. In particolare viene garantita una maggiore tutela dell’identità del segnalante e un rafforzamento del ruolo dell’Anac che, una volta accertata la responsabilità per atti discriminatori nei confronti del whistleblower, potrà multare l’ente accusato. La tutela viene estesa inoltre ai collaboratori o consulenti con qualsiasi tipologia di contratto e di incarico nella pubblica amministrazione o in enti privati sottoposti a controllo pubblico. Anche le segnalazioni anonime possono essere oggetto di valutazione se adeguatamente documentate. A ricevere dunque una maggior protezione in caso di denuncia di fenomeni di corruzione saranno, tra gli altri, dipendenti delle scuole, magistrati, professori e ricercatori universitari, personale militare e forze di polizia, lavoratori del servizio sanitario nazionale, dipendenti di società controllate. Non solo chi denuncia non potrà essere sanzionato o licenziato, ma neanche trasferito o demansionato, a condizione che risulti in buona fede.

"Per adesso ci accontentiamo di questo testo. E' una buona legge da cui partire" ha detto il senatore Vito Crimi dei Cinquestelle, "Grasso faccia da garante affichè questa legge non venga affossata alla Camera". Anche la ex grillina Maria Mussini, ora al gruppo misto, si è espressa a favore rilevando però alcune criticità: "Manca una parte consistente relativa al privato e manca l'istituzione di un Fondo all'Anac per le spese relative all'assistenza dei segnalatori". Polemica invece dal senatore Riccardo Mazzoni di Ala: "E' una legge che favorisce la delazione, qualcosa di analogo al pentitismo. Incentiva la cultura del sospetto e dell'invidia sociale".

Dopo che la legge è stata ferma in Parlamento per 600 giorni, le due associazioni Riparte il Futuro e Transparency International Italia si sono mobilitate per fare pressione sui senatori affinché si accelerassero i tempi della discussione. Con la legge di bilancio e la riforma elettorale in calendario il rischio è che non si arrivi all’approvazione definitiva prima della scadenza della legislatura. Nei giorni scorsi a favore della legge sono intervenuti anche il presidente del Senato Pietro Grasso e il presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone. Secondo l’ultimo rapporto presentato il 10 ottobre dalla sezione italiana di Transparency International, la più grande organizzazione globale di lotta alla corruzione, la mancanza di tutele per i whistleblower (letteralmente “chi soffia il fischietto”) è, insieme all’assenza di una regolamentazione dell’attività di lobbying, la lacuna principale della normativa del nostro Paese in materia di corruzione.

Lucrezia Clemente

Fonte: http://bit.ly/2gi1Xqf


Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Soro
A Key4biz l’Autorità per la protezione dei dati personali smentisce quanto riportato su Agendadigitale.eu, secondo cui il Garante privacy avrebbe congelato di 6 mesi le sanzioni alle aziende dopo l’entrata in vigore del Gdpr: ‘Il ....
ven 20 apr, 2018
p
Via al protocollo di intesa per difendere le reti e la piattaforma di e-procurement della spa del Mef. Al centro l’attività di monitoraggio e prevenzione del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture ....
ven 20 apr, 2018

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589