Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Caso Facebook a macchia d'olio, 215mila gli utenti italiani coinvolti

Caso Facebook a macchia d'olio, 215mila gli utenti italiani coinvolti

FACEBOOK
08-04-2018

La rivelazione dell’azienda: sono 87 e non 50 i milioni di persone nel mondo i cui dati sono stati utilizzati abusivamente. Il ceo Mark Zuckerberg ammette gli errori commessi – “sottovalutato il fenomeno” – ma difende il proprio ruolo: “Sono ancora io la persona giusta per guidare la società”. Cambio di rotta nella gestione della piattaforma: da lunedì una notifica avviserà di eventuali condivisioni di dati con Cambridge Analytica. Più facile rimuovere le app

Caso Facebook senza requie. Aumenta l’allarme sulla fuga di dati: sale da 50 milioni a 87 milioni il numero degli utenti i cui dati sono stati utilizzati in questa vicenda, di cui 214.134 italiani. Lo ammette la stessa azienda annunciando una serie di correzioni nella gestione dei dati personali: a partire dal 9 aprile la piattaforma avviserà gli utenti le cui informazioni sono state condivise da Cambridge Analytica. Diventerà inoltre più facile rimuovere le app che non vogliamo più: comparirà in cima al flusso di notizie un link che mostrerà tutte le app utilizzate e le informazioni condivise con queste applicazioni. “Gli utenti saranno in grado di rimuovere le app che non vogliono più. “Riteniamo che queste modifiche – ha detto Mike Schroepfer, chief technology officer dell’azienda – consentiranno di proteggere meglio le informazioni delle persone. Sappiamo di avere più lavoro da fare”.


Il terremoto sta toccando il cuore dell’azienda a tal punto da indurre il ceo Mark Zuckerberg a difendere il proprio ruolo facendo così fronte al pressing dei fondi pensione gestiti dalla città di New York affinché lasci la guida del board. Nonostante i molti “errori commessi” – ha detto nel corso di una call con i giornalisti, ritiene di essere ancora la “persona giusta” per guidare l’azienda. “Penso che la vita sia imparare dagli errori e capire come andare avanti – ha detto ancora -. Quando stai costruendo qualcosa come Facebook che non ha precedenti nel mondo, ci sono cose che puoi sbagliare. L’importante è imparare dai nostri errori”. Il ceo di Fb ha ribadito che occorreranno anni per risolvere tutti i problemi della sua piattaforma ma che il suo social media dovrà “svoltare l’angolo” su molte questioni entro la fine del 2018, un termine che assume come sfida personale.

Le dichiarazioni fanno da premessa alla testimonianza prevista per l’11 aprile alla commissione Energia e Commercio della Camera e che secondo i suoi membri rappresenterà “un’opportunità importante per gettare luce su questioni cruciali sulla privacy dei dati dei consumatori e aiuterà tutti gli americani a comprendere meglio cosa succede alle loro informazioni personali online”.

La prime contromisure adottate dall’azienda sono entrate in vigore in questi giorni. Si tratta di una serie di restrizioni, dalla piattaforma Instagram alla storia di chiamate e testi, dai gruppi al login Fb sino all’accesso dei dati a parti terze (data providers e partner categories). “Sappiamo che abbiamo altro lavoro da fare”, ha ammesso Schroepfer, assicurando che tutte le persone interessate dal caso Analytica saranno informate. Gli utenti americani sono i più colpiti – sono 70 milioni le “vittime”, seguono i filippini, gli indonesiani, i britannici.
 

Corrierecomunicazioni.it

Fonte: https://bit.ly/2GLIEkR

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

ZU
Facebook traccia anche i dati degli utenti quando non sono connessi al social e addirittura di quelli che non hanno un account? A queste domande del Congresso Zuckerberg è andato in difficoltà: ‘lo facciamo per motivi di sicurezza’. ....
mar 17 apr, 2018
RAFFAELE BARBERIO
Facebook, Google e Amazon registrano tutto ciò che facciamo. Ma non sono le sole a farlo. Con loro un esercito di grandi e piccole società. E così i nostri dati diventano merce pregiata di scambio. Perché fanno questo e perché ....
gio 05 apr, 2018

Eventi correlati

Codemotion Rome 2017
Dal 22-03-2017
al 25-03-2017
Luogo: Dipartimento di Ingegneria dell'Università Roma TRE, via Vito Volterra, 60, Roma.
Il Codemotion Rome si svolgerà da 22 Marzo al 25 Marzo 2017, per una quattro giorni dedicata a tutti i programmatori, più o meno esperti.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589