Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Bonus cultura, ancora tutto fermo per i neo-diciottenni del '99

Bonus cultura, ancora tutto fermo per i neo-diciottenni del '99

18
14-06-2017

Il bonus cultura di 500 euro riservato ai neo-maggiorenni del 2017 è fermo ai box in attesa del decreto attuativo che presumibilmente arriverà in autunno.

Il bonus cultura riservato ai neodiciottenni nati nel 1999, che raggiungeranno la maggior età quest’anno, è ancora bloccato e non si sa con certezza quando sarà attivato dal Governo. Eppure, il bonus di 500 euro per chi raggiunge la maggiore età è in vigore, fino a prova contraria, in attesa però di un decreto attuativo che lo renda operativo e consenta così ai ragazzi di effettuare gli acquisti online o nei negozi convenzionati come già avvenuto quest’anno.

C’è da dire che già per i diciottenni classe 1998 il bonus è partito in ritardo e che i primi acquisti sono stati possibili dal 31 dicembre di quest’anno, in ritardo rispetto all’inizio dell’anno scolastico.

Il bonus cultura è stato confermato anche per i classe ’99 che compiono 18 anni nel 2017, a stabilirlo è la Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232, comma 626), in vigore dal 1 gennaio 2017.
I diciottenni potranno utilizzare la Carta elettronica del valore di 500 euro, oltre che per acquistare biglietto per teatro e cinema, anche per l’acquisto di libri, per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali e spettacoli dal vivo, anche per l’acquisto di musica registrata (fortemente voluta dalla Fimi), nonché di corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Le modalità di utilizzo del bonus 2017 saranno stabilite attraverso modifiche al DPCM 15 settembre 2016, n. 187 da apportarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge.

Il bonus a questo punto arriverà sicuramente anche per i ragazzi del 1999 ma non si sa quando: a questo punto è prevedibile che slitti in autunno.
L’ultimo post sulla pagina ufficiale su Facebook di 18app risale al 24 febbraio scorso.

Insomma, in attesa del decreto attuativo, i neodiciottenni potranno portarsi avanti e cominciare a premiunirsi con la richiesta dello Spid, le credenziali obbligatorie per accedere al bonus, presso gli identity provider accreditati (Tim, Poste, Infocert, Sielte e Aruba).

Ad oggi, il numero di credenziali Spid erogate è pari a 1.454.009. L’adesione dei 18enni del ’98 al Bonus Cultura non è stato esaltante, ma di certo lo strumento del bonus ha contribuito a spingere le adesioni a Spid. 

Paolo Anastasio

Fonte: http://bit.ly/2sylslU 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Sergio Codella avvocato, Segretario Generale AIDR;  il vice presidente AIDR Arturo Siniscalchi, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Cataldo Calabretta, avvocato,Valentina Nucera Membro Direttivo AIDR, Mattia Fantinati Movimento 5 stelle Antonio Palmieri FI
AIDR e Fattore Mamma
Da sinistra: Rosangela Cesareo, socia Aidr, Jolanda Restano Ricercatrice Farmaceutica, Alberto Chalon Direttore Generale Qwant.com, Federica Piccinini, influencer e blogger, On Enza Bruno Bossio, Davide D'Amico, dirigente Miur e socio Aidr
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
Da sinistra: Mauro Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci
Alcuni soci AIDR
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri
L’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) sostiene l’appello di Carlo Mochi Sismondi, presidente di Forum PA, il quale afferma di dover “rimettere al centro dell’agenda politica i temi dell’innovazione digitale”, ....
mar 13 feb, 2018
digitale
Quasi la metà delle aziende italiane ha implementato con successo progetti di innovazione tecnologia, ma la strada da fare è ancora molto lunga. La trasformazione digitale delle aziende italiane, che consentirà loro di affrontare ....
lun 29 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
VmWay
A.P.S.P.
Adiconsum
API
Consorzio Vini Mantovani
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589