Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Bambinidigitali. Genitori, perché l'uso improprio dei device mobili danneggia il bambino

Bambinidigitali. Genitori, perché l'uso improprio dei device mobili danneggia il bambino

11-02-2019
digitale

di Barbara Volpi, Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in Psicologia Dinamica e Clinica Sapienza-Roma 

Nell’osservazione quotidiana cogliamo modalità d’uso dei nuovi device poco saggi e consapevoli, che tuttavia sono entrati nelle consuetudini giornaliere di tante famiglie a partire dai primi momenti di crescita del bambino. 

Mamma mi guardi, invece di guardare il cellulare? Sto crescendo e nemmeno te ne accorgi? Si, hai sequenziato ogni mio momento di crescita nelle foto che hai postato su Facebook, le hai inviate ai vari gruppi di mamme e ai parenti su WhatsApp, ma davvero ti sei fermata ad osservarmi e a notare i miei progressi? A me sembra che il tuo primo pensiero invece sia stato quello di condividermi con gli altri piuttosto che essere fiera di come mettevo il piedino, di come mi sono alzato nel box, di come ti ho sorriso e soprattutto di quanto ho cercato il tuo sguardo per capire se facevo bene o male. E scusami se te lo faccio notare ma molto spesso non l’ho trovato e allora, sei il mio idolo lo sai, ho cercato di fare quello che facevi te, occhi chini sul cellulare alla ricerca di un me che però non trovavo. È divertente però, mi sono distratto e ho pensato ad altro.

Nell’osservazione quotidiana, ad ampio raggio nei luoghi più disparati, vuoi che sia lo studio del pediatra, il parrucchiere, il supermercato, l’aeroporto, la casa, l’uscita di scuola, cogliamo in gradienti distinti ma molto spesso omologabili, modalità d’uso dei nuovi device poco saggi e consapevoli, che tuttavia sono entrati nelle consuetudini giornaliere di tante famiglie a partire dai primi momenti di crescita del bambino. Mamme che portano a passeggio il neonato di pochi giorni, parlando freneticamente al cellulare, che fotografano ogni sua acquisizione evolutiva assoggettandola a testimonianza della sua identità digitale e delle sue prime impronte indelebili nel villaggio globale ancor prima che inizi timidamente a camminare, che si distraggono e distraggono con lo strumento dimenticando che l’essere e il divenire genitori ha bisogno di tempo, di sedimentazione, di attenzione e riflessione.

Tempo, sedimentazione, attenzione e riflessione che necessitano di un lavoro mentale che a volte, soprattutto nei primi momenti di stravolgimento e stanchezza, sembrano insormontabili per i neogenitori ed è proprio in questi frangenti che l’appendice strutturale dello strumento digitale fa la sua imperativa attrattiva di distrazione, di alleggerimento, di evasione, avvalendosi della ricompensa dopaminergica di like a coda di un commento, di una foto, di un video.

Ci si anima nei social e si struttura la linea di connessione virtual-digital life nella penetrazione capillare tra due modalità di essere inizialmente distinte che nella linea del tempo e nella traiettoria di crescita del bambino si incontreranno inevitabilmente in un nuovo modo di essere presenti a sé stessi e agli altri.

Nuovi genitori che sentono ingenuamente di cavalcare questa linea temporale e di aiutare così il bambino a fare la conoscenza di un mondo nuovo imperniato di tecnologia, di nuove competenze e acquisizioni in cui il saper destreggiarsi con il touch può fare la differenza e allora, tanto vale fare conoscenza da subito, darlo in mano precocemente e lasciarli anche soli per avere tempo di riguadagnare quel tempo che il tempo genitoriale restringe.

Nell’agire con così poca consapevolezza, mista alla considerazione generale che così fan tutti o perlomeno la maggioranza, si traccia la traiettoria di un utilizzo improprio della tecnologia che in questo modo perde il suo valore potenziale di arricchimento della qualità, soprattutto affettiva, della propria vita. Si guadagna del tempo non facendo la fila alla posta, e si utilizza quel tempo guadagnato per vivere appieno le relazioni, il qui ed ora del momento, soprattutto in uno spazio nella linea temporale che deve essere segnato dalla ripetizione, dalla sequenzialità, dalla scoperta dell’essere in relazione con l’altro che si prende cura di noi e così facendo ci insegna a utilizzare il vero strumento che è la vita nel modo migliore.

In questo modo, escludendo i dispositivi digitali, dai momenti dal tempo, dalla sedimentazione, dell’attenzione e dalla riflessione sulla scoperta del bambino e della relazione con i suoi genitori nei primi due anni di vita (in linea con le linee internazionali e nazionali sull’educazione digitale), si traccia la strada per un uso consapevole della tecnologia (Volpi, 2017), che ha sì i suoi tempi di acquisizione ma sempre nel rispetto dei tempi e delle competenze evolutive del bambino in fase di crescita.

Il mai da solo e sempre insieme, pilastro cardine di tutte le acquisizioni evolutive, rimane l’assioma educativo per eccellenza, oggi come ieri e come domani.

Già prima delle videochiamate, che ci permettono di essere affettivamente presenti con i nostri affetti anche in caso di assenza, Gianni Rodari nelle sue Favole al Telefono ci indicava la strada per un uso dello strumento, che tale dovrebbe essere considerato per evitare errori di gestione.


Bibliografia

Rodari G. (1962), Favole al telefono, Gli struzzi 14, Torino, Einaudi.

Volpi B. (2017), Genitori Digitali, Il Mulino.


Fonte: 
Key4biz.it del 11/02/ 2019


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Pasquale Natella, Luca Meini
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci
Inaugurazione Centro di Ricerca "DiTES"
Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR
Da sinistra verso destra: Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR

Notizie e Comunicati correlati

bisciglie
Il 2018 è stato un anno importante per la sanità italiana: è stato l’anno del quarantesimo anniversario della nascita del nostro Servizio Sanitario Nazionale, istituito con la Legge n. 833 del 1978. In questi 40 anni si è ....
mar 19 feb, 2019
Sandro Zilli
Dai vari ambiti dove l’Internet delle cose può essere applicato, quali Industrial IOT, Smartcities, domotica, wearables, auto connesse ed altro ancora, si comprende che lo scopo ultimo dell’IOT è quello di semplificarci ....
lun 18 feb, 2019

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589