Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Autostrade non è un caso isolato. A Telecom Italia garantito un rendimento di quasi il 9% per la vecchia rete in rame

Autostrade non è un caso isolato. A Telecom Italia garantito un rendimento di quasi il 9% per la vecchia rete in rame

04-09-2018
Raffaele Barberio

La tragedia di Genova ha fatto affiorare un aspetto della concessione autostradale, quello del rendimento garantito (WACC), ignoto ai più e del tutto ingiustificato nelle misure concordate. Ma non si tratta di un caso isolato. Nelle telecomunicazioni il rendimento garantito riguarda la rete in rame, a cui viene conferito un valore inappropriato.

Molti politici e addetti ai lavori si sono scandalizzati in questi giorni dopo aver scoperto che la concessione in essere riconosceva ad Autostrade un rendimento lordo del 10,21% (il cosiddetto WACC – Weighted average cost of capital), seppure a fronte di un certo livello di investimenti garantiti.

La circostanza ha fatto inevitabilmente irritare opinione pubblica e consumatori.

Ma il caso delle Autostrade non è isolato, riguarda anche le telecomunicazioni dove la situazione potrebbe essere anche più scottante.

A Telecom Italia (TIM) viene infatti garantito un rendimento di quasi il 9% per la vecchia rete in rame.

A deciderlo è la delibera di AGCOM 623/15/CONS del 5 novembre 2015, l’anno dell’ultima analisi di mercato svolta dall’Autorità regolatoria italiana.

E per essere più precisi la delibera garantisce a Telecom Italia un rendimento pari all’8,77%, per una rete che (e qui è l’aggravante di non poco conto) non sembra essere destinataria di particolari investimenti.

Confidiamo, francamente, in un intervento immediato di AgCom, che riveda drasticamente al ribasso questo valore, non più giustificato.

Del resto i valori in questione si rifanno all’analisi di mercato per il triennio 2015-2017 e si dovrà metter mano al più presto all’analisi di mercato per il triennio 2018-2021.

Con un rendimento minore, anche la vecchia rete in rame di Telecom Italia avrà conseguentemente un valore molto minore.

Al contrario, oggi il valore della rete in rame è ingiustificatamente alto e una decisione di segno opposto incoraggerà inevitabilmente il mercato in direzione di maggiori investimenti verso le nuove reti in fibra, in linea con quanto avviene in altri paesi europei e con le aspirazioni di crescita della nostra economia nazionale.

 

di Raffaele Barberio | @rafbarberio

Fonte: https://bit.ly/2Q8EJ6G

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

fattura elettronica
Le ultime novità sulla fatturazione elettronica inserite nella bozza del decreto fiscale prevedono 6 mesi senza sanzioni, emissione della fattura entro 10 giorni dall'operazione e registrazione entro 15    Possibilità di emettere ....
mar 16 ott, 2018
MINISTRO BONGIORNO
Cardarelli, rilevatori biometrici per entrare «Malumori? Abbiamo colpito nel segno» Il più grande ospedale del Sud Italia dice addio ai vecchi marcatempo e anche ai «timbratori seriali», categoria di truffatori che periodicamente ....
mar 25 set, 2018

Eventi correlati

,
Dal 23-05-2017
al 25-05-2017
Luogo: Roma Convention Center "La Nuvola"
Dal 23 al 25 maggio 2017 al Roma Convention Center "La Nuvola", fari puntati sullo sviluppo del Paese. Al centro il ruolo abilitante delle tecnologie.
ITALIAN DIGITAL REVOLUTION
Data: 02-05-2017
Luogo: Biblioteca della Camera dei Deputati, Palazzo San Macuto, Sala del Refettorio, Via del Seminario, 76 Roma
"La Funzione Pubblica della digitalizzazione: scenari e prospettive", Martedì 2 Maggio 2017, ore 17, Biblioteca della Camera dei Deputati

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589